BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Futurità”, un programma di education per studenti e insegnanti dedicato alla sostenibilità

Futurità è il primo progetto che porta nelle scuole un approccio completamente nuovo alla sostenibilità, pensato per i ragazzi della Generazione Z. L’iniziativa è promossa da UBI Banca in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia. Digital partner del programma è WeSchoool, leader italiano della didattica digitale.

Simulare di essere il fondatore di un social network che deve proteggere la privacy dei suoi utenti salvaguardando al tempo stesso i profitti della propria impresa; oppure vestire i panni di un Energy Manager impegnato a valutare l’impatto ambientale derivante dall’attività quotidiana dell’azienda per cui lavora; oppure ancora scoprire come un motore di ricerca possa alimentare la flora dell’Amazzonia: ecco alcuni esempi delle attività previste per i giovani studenti e i loro insegnanti coinvolti dal programma di educazione “Futurità”.

Futurità è un’iniziativa che ha l’obiettivo di favorire la diffusione della cultura della sostenibilità all’interno del mondo scolastico e in particolare tra gli studenti del 3° e 4° anno delle scuole superiori. Li aiuta a comprendere i meccanismi utili ad attuare strategie di sviluppo economico sostenibile di medio e lungo periodo, facendo altresì conoscere il ruolo che imprese e professioni possono svolgere a supporto di questo percorso.

L’iniziativa è promossa da UBI Banca in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia. Digital partner del progetto è WeSchool, leader italiano della didattica digitale.

Il progetto è pensato per coinvolgere in modo del tutto nuovo e “contemporaneo” i giovani studenti e far scoprire loro come le professioni di domani ci aiuteranno a sviluppare un’economia più sostenibile. Un progetto che si distingue per contenuti e modalità di apprendimento, grazie all’impiego di una metodologia didattica “blended”, ovvero che coniuga l’attività svolta in classe insieme ai docenti con una piattaforma di learning collaborativa.

Tra i principali argomenti oggetto di formazione, gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e la salvaguardia dell’ambiente, così come tematiche della massima attualità e strettamente connesse alla sostenibilità, eppure escluse dai programmi scolastici, quali quelle relative alla privacy e ai dati sui social, alla smart mobility e alle nuove professioni digitali.

Il programma Futurità è funzionale all’orientamento scolastico-professionale. Grazie anche alla testimonianza da parte di diversi soggetti dell’impresa, favorisce infatti nei giovani la consapevolezza delle loro attitudini e vocazioni in relazione alle opportunità di lavoro e li guida nella comprensione delle professioni emergenti e delle relative competenze specialistiche richieste, mostrando come la “sostenibilità” non riguardi solo l’ambiente ma anche, per esempio, il corretto utilizzo degli strumenti digitali e la protezione dei dati, oltre che la qualità dei rapporti di lavoro. Può inoltre rappresentare un valido strumento di supporto nel percorso evolutivo della scuola italiana verso una maggiore digitalizzazione.

I primi istituti scolastici coinvolti nella fase pilota del progetto sono le scuole secondarie delle province di Bergamo e Brescia, invitate a partecipare al programma nel secondo quadrimestre dell’anno scolastico 2019-2020: in questa prima fase sono quindi circa 40.000 i giovani delle classi terze e quarte potenzialmente coinvolti nell’attività. Il 13 gennaio e il 16 gennaio, rispettivamente a Brescia e a Bergamo, sono in calendario gli eventi di presentazione dell’iniziativa ai dirigenti scolastici delle due province.

Digital partner del progetto è WeSchool, leader italiano della didattica digitale, riconosciuto dal MIUR come Ente accreditato (ai sensi della Direttiva 170/2016) anche per la formazione professionale certificata dei docenti, la cui missione è la digitalizzazione della scuola italiana. WeSchool è tra i 25 vincitori in Europa del Google Educator Grant per le migliori iniziative di formazione docenti e digitalizzazione della scuola. Sono oltre 90.000 i docenti iscritti al sito.

Per gli studenti e le scuole che partecipano al progetto sono previsti importanti riconoscimenti. Saranno infatti assegnate borse di studio per un valore complessivo di 100.000 euro alle migliori tesi o project work realizzati dagli studenti sulla base del percorso formativo seguito. Per le scuole, è prevista la fornitura di dotazioni tecnologiche a supporto della digitalizzazione delle attività didattiche.

Saranno a breve disponibili i bandi di partecipazione con tutti i dettagli, oltre alle specifiche della giuria che valuterà i lavori svolti.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.