Quantcast
Tensione altissima in Medio Oriente: missili iraniani contro due basi Usa in Iraq - BergamoNews
Venti di guerra

Tensione altissima in Medio Oriente: missili iraniani contro due basi Usa in Iraq

Dopo l'omicidio del generale Soleimani, l'Iran reagisce: sarebbero almeno 80 le vittime secondo il governo di Teheran, contingente italiano al riparo nei bunker a Erbil.

La pesante reazione annunciata dall’Iran contro gli Stati Uniti dopo l’omicidio del generale Qassem Soleimani è arrivata: nella notte italiana tra martedì 7 e mercoledì 8 gennaio una pioggia di missili lanciati da Teheran hanno colpito due basi americane in Iraq.

L’attacco principale a Ayn ak-Asad mentre i militari italiani presenti a Erbil sarebbero riusciti a rifugiarsi in bunker antiaerei.

Donald Trump, che aveva ordinato al Pentagono l’attacco al generale iraniano venerdì scorso, ha affidato momentaneamente a Twitter le sue prime parole: “Va tutto bene – ha scritto – Missili lanciati dall’Iran a due basi militari in Iraq. Stiamo facendo una ricognizione dei danni e delle vittime in queste ore. Finora va bene! Abbiamo le truppe più forti e meglio equipaggiate al mondo! Rilascerò una dichiarazione in mattinata”.

C’è grande attesa per le parole che arriveranno mercoledì dalla Casa Bianca, dopo che a ridosso dell’attacco il tycoon ha incontrato il capo del Pentagono Mark Esper e il segretario di Stato Mike Pompeo.

I rapporti tra le due Nazioni non sono mai stati così tesi: l’Iran ha già avvertito gli Usa che un eventuale contrattacco produrrebbe reazioni contro gli stessi Stati Uniti e Israele, anche se il ministro degli Esteri Javad Zarif ha negato di voler iniziare così una guerra.

Zarif ha parlato di vendetta per l’uccisione di Soleimani e di misure di auto-difesa proporzionate, attaccando la base dalla quale è partita l’operazione contro il generale.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Louis Raphael Sako
La proposta
Le Acli di Bergamo: “Preghiera del venerdì e digiuno per sostenere il viaggio del Papa in Iraq”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI