Quantcast
Ruota panoramica, domenica l'ultimo giro: poi si smonta, cambia la viabilità in centro - BergamoNews
Bergamo

Ruota panoramica, domenica l’ultimo giro: poi si smonta, cambia la viabilità in centro

Il Comune ha emesso nelle scorse ore un’ordinanza per regolare la prossima settimana l’accesso alla zona del centro città consentendo lo smontaggio della ruota e dell’albero di Natale.

Gli ultimi giri saranno nella serata di domenica 12 gennaio, poi la ruota panoramica del Gruppo Moruzzi che ha caratterizzato il Natale 2019 saluterà Bergamo.

Da lunedì 13, infatti, inizieranno le operazioni di rimozione della struttura: il Comune di Bergamo ha emesso nelle scorse ore un’ordinanza per regolare la prossima settimana l’accesso alla zona del centro città consentendo lo smontaggio della ruota panoramica e dell’albero di Natale, installati davanti a Palazzo Frizzoni in occasione delle festività.

Il provvedimento proibisce il transito dei veicoli ed istituisce il divieto di sosta, dalle ore 00:00 di lunedì 13 gennaio alle ore 24 di giovedì 16 gennaio 2020 in piazza Matteotti, tra viale Roma e passaggio Zeduri (quest’ultimo libero al transito) e in via Crispi.

Viene inoltre istituita la svolta obbligatoria a sinistra in uscita dall’area adibita a parcheggio antistante Palazzo Uffici del Comune per i residenti e gli autorizzati e dal passaggio Zeduri all’intersezione con piazza Matteotti.

I residenti di via Borfuro, via XX Settembre, via Sant’Orsola e gli esercenti delle attività (così come i veicoli adibiti al carico scarico, questi ultimi solo negli orari stabiliti per tale attività nelle ZTL), potranno transitare sulla corsia preferenziale di via Tiraboschi con ingresso in passaggio Zeduri.

Più informazioni
leggi anche
ruota panoramica bergamo 2019
Con il duc
La ruota panoramica di nuovo a Bergamo per le feste di Natale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it