BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Malori di massa a Dorga, il sindaco: “Acqua potabile dopo le analisi Ats”

Sabato una trentina di ragazzi tra i 7 e i 16 avevano accusato nausea e vomito in una casa vacanza. Anche una quindicina di famiglie esterne alla struttura hanno denunciato sintomi simili. Il primo cittadino: "Casi separati"

Il sindaco di Castione della Presolana, Angelo Migliorati, prova a spiegare i risultati delle analisi compiute da Ats sull’acquedotto, dopo i malori accusati sabato da una trentina di ragazzi tra i 7 e i 16  in una casa vacanza a Dorga, nei pressi del santuario di Lantana. Proveniente da Adrara San Martino, la comitiva era in vacanza con l’oratorio: tutti hanno iniziato a sentirsi male, accusando nausea e vomito a quanto pare dopo una cena a base di gnocchi.

“L’acqua è risultata assolutamente potabile e non presenta nessun problema, può essere utilizzata con totale tranquillità – assicura il sindaco, tant’è che al momento non ha emesso alcuna ordinanza di divieto -. I casi di intossicazione dei ragazzi della colonia sono probabilmente dovuti all’impianto di distribuzione dell’acqua interno all’edificio, oppure al cibo consumato. L’Ats – conclude – sta approfondendo la situazione con ulteriori esami, ma la cosa più importante è che i ragazzi adesso stanno bene”.

Uniacque, che gestisce circa 500 utenze idriche della zona, aveva chiarito subito la propria posizione: da un controllo sugli impianti non risultavano anomalie tali da far pensare a eventuali contaminazioni dell’acqua. Batteri o virus non erano stati rilevati dalla società nel bacino idrico che alimenta la zona, anche se una quindicina di famiglie hanno contemporaneamente denunciato sintomi simili se non identici, in alcuni casi anche ricorrendo alle cure mediche degli ospedali di Alzano e di Piario: ospiti di due residence della stessa zona, tutti riferiscono di aver bevuto acqua del rubinetto.

Il sindaco Migliorati è però convinto si tratti di due casi separati: “A Castione in questi giorni diverse persone, io compreso, hanno dovuto fare i conti con un fastidioso virus intestinale – commenta il primo cittadino -. Penso siano due episodi diversi, da non ricondurre alla stessa causa”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.