Bimbi intossicati a Dorga: "I controlli sull'acqua escludono contaminazioni" - BergamoNews
Uniacque

Bimbi intossicati a Dorga: “I controlli sull’acqua escludono contaminazioni”

"Gli impianti sono regolarmente funzionanti e i processi di disinfezione dell'acqua non hanno registrato malfunzionamenti".

Si cerca di capire quali siano le cause del malore che ha coinvolto una quarantina di bambini e ragazzi di Adrara San Martino nella notte tra sabato e domenica a Dorga, facendone ricoverare alcuni nei vari ospedali della provincia con nausea, vomito e dolori di stomaco.

Intossicazione alimentare è il motivo generico, qualcuno ha ipotizzato che fosse legata al cibo ingerito a cena, qualcuno all’acqua del rubinetto. Ma da Uniacque, gestore dell’acquedotto, giunge una precisazione: “I controlli effettuati domenica non hanno dato alcun riscontro in termini di contaminazione dell’acqua, gli impianti sono regolarmente funzionanti e i processi di disinfezione dell’acqua non hanno registrato malfunzionamenti”.

Il bacino idrico che serve la struttura dove i ragazzi erano ospitati fornisce acqua all’intera frazione di Dorga nonché a un territorio ben più esteso (circa 500 utenze): “Ulteriori prelievi effettuati presso altri punti di fornitura sul territorio, unitamente all’assenza di segnalazioni di altri fatti simili in zona, portano a escludere con certezza qualsiasi contaminazione dell’acqua servita. Le cause del malore sono dunque da ricercare in altre problematiche ancora in fase di accertamento”.

leggi anche
  • A dorga
    Nausea, vomito e dolori addominali: intossicazione alimentare per 40 ragazzi
    ambulanze notte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it