BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sebino, donna morta per meningite: ecco dove e quando vaccinarsi

L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo intensifica l’azione di profilassi contro il meningococco C

Più informazioni su

L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, in collaborazione con Regione Lombardia, anche a seguito del quarto caso di meningite che ha determinato oggi il decesso di Marzia Colosio, 48 anni, residente a Predore, intensifica l’azione di profilassi contro il meningococco C prolungando l’apertura dell’ambulatorio di Villongo, mentre è in corso di definizione in queste ore l’istituzione di nuovi ambulatori a Gandosso, Credaro e Predore. Sono inoltre previste tre sedute straordinarie del centro vaccinale del PRESST di Sarnico (via Libertà 37) nelle giornate di sabato 4 gennaio (orario 9-15), domenica 5 gennaio (orario 9-16) e lunedì 6 gennaio (orario 9-16).

L’apertura degli ambulatori di Gandosso, Credaro e Predore va nella direzione di creare nei comuni limitrofi una fascia di protezione rispetto ai comuni in cui si sono verificati i casi. Relativamente al quarto caso, sono già stati profilassati circa 130 contatti stretti della donna deceduta oggi, anche grazie alla collaborazione dei Medici di Medicina Generale che stanno dando un forte contributo per potenziare l’attività di vaccinazione.

“La profilassi antimeningococco C alla cittadinanza è possibile grazie alla collaborazione di Regione Lombardia, del personale ATS, delle ASST, dei Medici di Medicina Generale e dei volontari delle varie associazioni – evidenzia Massimo Giupponi, direttore generale dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo – Ringrazio per il costante e proficuo lavoro di collaborazione tutti i sindaci dell’Ambito del Basso Sebino, anche attraverso il presidente dell’Ambito Alberto Maffi, con il quale siamo in costante collegamento”.

“Il batterio si trasmette attraverso le vie aeree soltanto dopo un contatto prolungato con una persona “infetta”. Non c’è pericolo di contagio ambientale: in ambiente esterno il batterio non sopravvive – ricorda Giupponi – Ci sono dei portatori sani di meningococco: il batterio alberga tradizionalmente nelle prime vie respiratorie e in particolari condizioni può superare le difese dell’organismo”.

A Villongo l’attività di vaccinazione proseguirà grazie alla collaborazione tra Regione Lombardia, Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, Amministrazione comunale, Associazione Alpini e Croce Blu. Da martedì 7 a venerdì 10 gennaio sarà ancora possibile sottoporsi alla vaccinazione dalle 13.30 alle 16.30. Saranno operativi al pomeriggio due medici e due assistenti sanitari. Il Sindaco di Villongo, Maria Ori Belometti, ha confermato la disponibilità dei locali del Municipio, i volontari dell’Associazione Alpini svolgeranno attività di orientamento/assistenza dei vaccinandi, mentre i volontari della Croce Blu si occuperanno della sorveglianza dei soggetti dopo la vaccinazione. Regione Lombardia ha messo a disposizione i vaccini che vengono somministrati dal personale medico e sanitario di ATS Bergamo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.