BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Basta esche e finti effetti speciali: diciamolo che i saldi non esistono più”

Il durissimo attacco di Federconsumatori: "Da anni chiediamo che vengano eliminati questi pseudo-sconti, anche se chi compra ha ormai capito come funzionano le cose"

Più informazioni su

“I saldi non esistono più”. È chiaro, diretto e conciso il messaggio che Fedeconsumatori manda a pochi giorni dall’apertura degli sconti di inizio anno.

“Da anni chiediamo che vengano eliminate le finte vendite a saldo” scrive l’associazione, che si astiene dal dare “consigli” su come affrontare il diluvio di inviti a comprare, spesso fatti da annunci di scontistiche favolose che vanno dal 30 al 70% e anche oltre.

“Riteniamo che i consumatori si siano fatti scaltri a sufficienza per non abboccare alle esche predisposte e nemmeno a farsi abbagliare da effetti speciali – si legge nel comunicato -. Senza aspettare pseudo saldi, lasciando liberi (come già lo sono) i commercianti di applicare i prezzi che vogliono, ognuno di noi sa di cosa ha bisogno in ogni periodo dell’anno, e di quante sono le proprie possibilità economiche. Pertanto deve resistere alle lusinghiere proposte del tipo solo per oggi offerte speciali, oppure compri oggi e pagherai domani, per non sovra indebitarsi”.

“Solo un suggerimento diamo – scrive ancora Federconsumatori -: anziché andare per negozi a vedere, e molte volte anche a provare, scarpe e vestiti che poi compriamo su Amazon o simili (perché lì costano meno), perché non cerchiamo prima i costi su internet e poi andiamo a verificare se il commerciante locale è disponibile a vendere ai medesimi prezzi prodotti uguali. A condizioni simili sarebbe da privilegiare l’acquisto sul posto. Così, forse, contribuiremmo anche a ridurre la moria di negozi di vicinato”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.