Quantcast
"Ol-fà" a Osio Sotto, dove il cocktail di gamberi è ancora di moda - BergamoNews
A cura di

Senza prenotazione

Senza prenotazione

“Ol-fà” a Osio Sotto, dove il cocktail di gamberi è ancora di moda

Un ristorantino tranquillo e curato, che non stravolge le ricette tradizionali e che si permette di servire un piatto talmente retrò da sembrare innovativo

Non si direbbe un locale dei tempi nostri l’Ol-fà di Osio Sotto. Alla prima impressione può sembrare qualcosa di un po’ superato, un luogo che all’inizio non capisci bene cosa sia effettivamente. Pasticceria? Caffetteria? Vineria? O ristorante?

A questo locale di via Colleoni, a pochi passi dal municipio del paese, bisogna dare un po’ di fiducia quando si è in cerca di un posto in cui mettere le gambe sotto al tavolo per una cena. Poi, una volta dentro, basta farsi accompagnare dalla gentilezza e della professionalità di Giuseppe Forcella, responsabile di sala simpatico e disponibile, che segue passo passo i clienti regalando la giusta dose di attenzioni senza mai risultare invadente.

In cucina c’è il fratello di Giuseppe, Andrea Forcella (allievo del maestro Iginio Massari), che nel 2004 ha dato vita a questo progetto – inizialmente solo pasticceria con tavola calda – in società con l’allora stellato Luca Brasi, poi uscito di scena nel 2008.

Negli anni l’Ol-fà si è trasformato in qualcosa di più di un semplice locale in cui trovare dolcetti diversi dal solito, diventando un posto versatile e adatto a più occasioni: per una colazione, per un aperitivo, per l’acquisto di un buon vino, per un vassoio di pasticcini o per una cena vera e propria.

Un aspetto, questo, che effettivamente mette un po’ di confusione sull’identità del luogo, in modo particolare a chi gli si approccia per la prima volta.

Ol-fa
Il bancone all'ingresso del locale (foto ol-fa.com)

L’ambiente, leggermente retrò con parquet e tavoli in legno, è ben curato e, soprattutto, molto pulito.

L’astuccino nel quale sono conservati tovagliolo e posate, riservato ad ogni coperto, ci fa capire l’attenzione che viene data ai dettagli. Un piccolo tocco di classe che fa sempre piacere trovare e che può fare la differenza in fase di prima impressione.

Ol-fà
L'astuccino con tovagliolo e posate

Il cocktail di gamberi e scampi che ordiniamo come antipasto dice molto sull’idea di cucina che Forcella ha: istinto, più che tendenza. Poco importa se un piatto simile era in voga negli anni ’80, all’Ol-fà è ancora di moda e viene servito senza stravolgimenti inutili. Questo è ben fatto, con il pesce appena scottato e con la salsa che risulta generosa ma non sproporzionata.

Soddisfa anche la tartare di manzo: la carne è tagliata sottilissima ed è condita senza eccessi.

Ol-fà
Cocktail di gamberi e scampi
Ol-fà
Tartare di manzo in stile Ol-fà

Convincono molto poco (accidenti!) gli spaghetti integrali con acciughe, broccoli, peperoncino e bottarga di muggine: un piatto troppo asciutto e poco armonico, dove ogni ingrediente sembra andare per la propria strada.

Molto più apprezzati i casoncelli, che presentano la pasta appena un po’ più spessa del dovuto ma un ripieno davvero valido. Burro, pancetta, salvia fritta e spolverata di parmigiano non mancano. Si può parlare di minimalismo e sacro rispetto della tradizione bergamasca.

Ol-fà
Spaghetti integrali con acciughe, broccoli, peperoncino e bottarga
Ol-fà
Casoncelli
Ol-fà
Stinco di vitello al miele e peperoncino

Gustoso e appagante lo stinco di vitello al miele e peperoncino: la carne è morbida e saporita, con l’insalata di verza che si aggrega senza invadere, dando alla portata quel senso di leggerezza che le serviva.

Un elegante sauvignon Vette di San Leonardo, gradevolmente acidulo e parecchio profumato, accompagna la nostra cena. È il miglior compromesso per un percorso che comprende sia pesce, sia carne: la sua mineralità si sposa perfettamente con gamberi, scampi e acciughe. Nella carta ci sono le migliori etichette italiane e qualche champagne, tutti con ricarichi accettabilissimi.

Discorso a parte, invece, sul dessert. Dal panettone di un ristorante che vuol essere anche una buona pasticceria (a pieno merito, sia chiaro) ci saremmo aspettati un po’ di più. La fetta che arriva al nostro tavolo si presenta con un bel colore giallo carico ma la mollica – strutturata in modo abbastanza regolare – in alcuni punti è troppo asciutta e fatica a filare. Ottimo, invece, il gelato alla crema che gli viene abbinato.

Ol-fà
Panettone con gelato alla crema

In conclusione. L’Ol-fà è un posto tranquillo e confortevole. I prezzi sono assolutamente contenuti e la qualità nei piatti non manca, salvo rare eccezioni. Il fatto che si proponga come caffetteria, come pasticceria, come vineria e anche come ristorante lascia un po’ di confusione ai possibili nuovi clienti: un filo di comunicazione in più non guasterebbe. Andrea Forcella dietro ai fornelli si comporta bene, segue il proprio istinto e propone un mix di nuovo e tradizionale, senza snaturare i grandi classici e infischiandosene di quel che può sembrare sorpassato: qualcuno potrebbe pensare “anche no”, ma il cocktail di gamberi e scampi è talmente fuori moda da risultare (quasi) innovativo. Di certo sorprendente: noi lo promuoviamo. Un ristorantino che si può consigliare, anche solo per una veloce pausa pranzo o per una delle tante serate a tema organizzate.

OL-FÀ
Osio Sotto, via Colleoni 3 – 24046
Tel. 035 881047
Prezzo medio: 32 euro a persona
Chiuso il martedì e la domenica sera

 

Questa recensione non è frutto di una cena-stampa e il giornalista non ha ricevuto favori, regali o servizi in cambio del proprio giudizio. Non si è palesato né prima né dopo il pasto, rispettando rigorosamente la legge dell’incognito, unica vera tutela del lettore.
“Senza prenotazione” non vuole essere solo un omaggio al grande Anthony Bourdain, ma anche una guida sincera e onesta per chi cerca un posto in cui mangiare a Bergamo e provincia.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Ol Giopì e la Margì
Senza prenotazione
Casoncelli, polenta e non solo: “Ol Giopì e la Margì” ha sempre il suo perché
Tre noci
Senza prenotazione
“Tre noci” a Spirano, il tempio della carne convince anche dopo mezzo secolo
Locanda Viola
Senza prenotazione
“Locanda Viola” a Pagazzano, una squisita novità nel cuore della Bassa
Bù Cheese Bar
Senza prenotazione
“Bù Cheese Bar”: un progetto attraente che potrebbe volare più alto
Osteria del Camelì
Senza prenotazione
“Osteria dei Camelì” ad Ambivere: promossa, ma serve una rinfrescata
Trattoria Brosetti
Senza prenotazione
Originale, divertente, autentica: che bella sorpresa la “Trattoria Brosetti”
Japo Restaurant
Senza prenotazione a domicilio
“Japo” a Treviglio: qualche lievissima pecca per un sushi creativo e allettante
Nasturzio
Senza prenotazione
Bello, buono e concreto: il “Nasturzio” ad Albino è sempre più una certezza
La Scagna
Senza prenotazione
“La scagna” a Bergamo, una trattoria onesta e tradizionale che sa di territorio
Retrobottega
Senza prenotazione
Polpo, pittule e pasticciotti: tutto parla salentino al “Retrobottega” di Treviglio
Le Orbe di Astino
Senza prenotazione
“Le Orbe di Astino” a Bergamo: elegante, raffinato e delicato. A volte troppo
Il Foghero
Senza prenotazione
Quando il pesce è ottimo e costa il giusto: “Il Foghero” a Misano Gera d’Adda
Osteria Scotti
Senza prenotazione
“Osteria Scotti” a Paladina: una villa del ‘600, cornice perfetta a un ristorante impeccabile
Osteria Tre Gobbi
Senza prenotazione
“Osteria Tre Gobbi” a Bergamo, quando la cucina è moderna e concreta
Ribelle e Rascasse
Senza prenotazione
Cicchetti, vini naturali, birre artigianali e cucina di qualità: il “Ribelle e Rascasse” a Treviglio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI