BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Natale amaro a Negrone: “Mentre Gesù nasce, il nostro asilo muore”

Nella piccola frazione di Scanzorosciate continua a tenere banco la programmata chiusura della scuola materna Don Barnaba.

Più informazioni su

Dalla piccola frazione di Negrone di Scanzorosciate hanno portato la protesta fino in centro a Bergamo, lo scorso 14 dicembre: palloncini, manifesti e una sfilata sul Sentierone con una cinquantina tra genitori e bimbi.

La programmata chiusura dell’asilo Don Barnaba li ha colpiti nel profondo, togliendo all’improvviso una certezza: “Si tratta di una scuola materna voluta e costruita dai Negronesi con la loro operosità, con i loro soldi ed i loro sacrifici negli anni Settanta, da allora sempre funzionante – avevano sottolineato in una lettera -. Una struttura in attivo ed in regola che ha circa 20 bambini e che il prossimo anno avrebbe richieste per 45″. 

Con le festività natalizie, forse, si sarebbero aspettati un bel regalo sotto l’albero, anche solo un’apertura al dialogo: “Purtroppo ad oggi non ci sono notizie positive – sottolineano l’avvocato Giovanna Gotti e i parrocchiani di Negrone, sostenuti da oltre 560 firme – Nessuno si è mosso, sembra che i parroci delle parrocchie di Tribulina e Scanzorosciate, che facenti parte dell’associazione Vescovo Amadei con il loro voto hanno decretato la chiusura, siano sordi alle richieste di noi parrocchiani e abbiano paura a dialogare”.

Nella frazione di Negrone una famiglia ha esposto uno striscione emblematico: “Santo Natale 2019: un bambino nasce, una scuola materna muore”. 

“Sembra proprio che quest’anno Gesù Bambino a Negrone non troverà quell’asilo tanto voluto dai parrocchiani e che è stato la casa dell’infanzia dei nostri bambini – continuano –  Ma non è ancora detta l’ultima parola perché i fedeli della Parrocchia di San Pantaleone di Negrone, che peraltro contano sulla solidarietà e sull’aiuto anche dei genitori delle altre frazioni di Scanzorosciate, non hanno nessuna intenzione di arrendersi”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.