Villongo, resta grave il 36enne colpito da sepsi, e in comune apre un centro vaccini - BergamoNews
Da venerdì

Villongo, resta grave il 36enne colpito da sepsi, e in comune apre un centro vaccini

La decisione dopo il terzo caso in poche settimane di infezione da meningococco C: vaccino gratuito dai 18 ai 50 anni.

Rimangono gravi le condizioni del 36enne di Villongo ricoverato in prognosi riservata agli Spedali Civili di Brescia: l’uomo, colpito da sepsi da meningococco C, è stato trasportato sabato in ospedale.

Una situazione che ha fatto rialzare il livello di guardia in paese, dopo i due casi di Veronica Cadei, la 19enne morta dopo la corsa d’urgenza in ospedale, e dell’altra studentessa sedicenne del Serafino Riva di Sarnico.

Tre casi distinti, apparentemente senza alcun collegamento tra loro. 

Anche per quest’ultima situazione la profilassi è stata immediatamente attivata: per i 39 colleghi della Oldrati group di Adro dove lavora e per i 19 familiari.

L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera si è subito mosso: “Abbiamo deciso di estendere il piano di offerta vaccinale avviato a seguito dei primi due aventi: stiamo già procedendo a contattare direttamente e personalmente tutti i giovani residenti di età compresa fra gli 11 e 25 anni, ed ora pensiamo di coinvolgere i medici di base per formulare la proposta di vaccinazione alla popolazione fino a 50 anni”.

Insieme al sindaco Maria Ori Belometti si è deciso di aprire un ambulatorio straordinario, per garantire ancora più assistenza oltre alle aperture straordinarie del presidio di Sarnico del 27, 30 e 31 dicembre e del 2 e 3 gennaio.

Il centro vaccinale straordinario sarà aperto da venerdì 27 dicembre nei locali del Comune, dalle 12 alle 18, con possibilità di vaccinazione anti meningococco C gratuita per tutti gli abitanti dai 18 ai 50 anni.

 

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it