BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Centro Salesiano DON BOSCO

Informazione Pubblicitaria

La festa di Natale: il mistero strabiliante di Dio che si fa uomo fotogallery

Chiara, studentessa del centro salesiano "Don Bosco" di Treviglio condivide alcune riflessioni sulla festa del Natale

Chiara, studentessa del centro salesiano “Don Bosco” di Treviglio condivide alcune riflessioni sulla festa del Natale.

Le vacanze sono ormai alle porte, l’attesa del giorno di Natale è quasi terminata e la scuola non dimentica di far vivere a tutti i ragazzi, dalla scuola Primaria alla Formazione Professionale, questa festività con lo spirito giusto: gli ultimi giorni di scuola sono dedicati ai festeggiamenti per la nascita di Cristo e come di consueto si tengono la recita per i più piccoli, la tombolata delle Medie e la Santa Messa di Natale per tutti, accompagnata dalle voci dei ragazzi del coro che contribuiscono a creare la giusta atmosfera.

Nella palestra gremita di studenti lo spirito natalizio avvolge i cuori dei presenti, che sono invitati a ricordare la vera essenza del Natale. Inoltre gli studenti vengono esortati dai catechisti prima del termine delle lezioni a prepararsi correttamente per questo importante momento dell’anno, con l’aiuto di sacerdoti che si mettono a disposizione per le confessioni, precedute da discorsi che fanno breccia nel profondo del cuore di tutti. Al termine della Messa, gli allievi della scuola Superiore hanno la possibilità di festeggiare insieme con cibi e bevande procurati dalle varie classi.

Il cortile si riempie di colori, di risate e di entusiasmo per l’inizio delle vacanze e di uno dei periodi più magici dell’anno. Abbiamo l’opportunità di condividere meravigliosi momenti con i compagni e gli amici: è un’occasione per sorridere e salutarsi augurandosi il meglio per le vacanze e l’anno che verrà.

Come ho già detto, Natale è il momento più atteso dell’anno e per essere vissuto al meglio è bene circondarsi dei propri amici oltre che dei propri parenti. Bisogna andare oltre il materialismo e caricare di significato ogni singolo gesto.

Natale significa donare per la sola voglia di portare felicità e annunciare con gioia la nascita di Cristo, il Dio che si è fatto carne per vivere in mezzo a noi. Sta a noi cogliere il messaggio dell’Avvento e decidere se permettere a Gesù di spalancare le porte del nostro cuore. Egli “bussa” costantemente, lasciandoci la libertà di scegliere se accoglierlo nella nostra vita. Lui è sempre presente e con il Natale celebriamo la sua discesa in mezzo a noi, ma la domanda è: noi ci siamo?

Chiara

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.