Bossetti, Marita rompe il silenzio: "Nuovi legali perchè voglio la verità" - BergamoNews
La lettera

Bossetti, Marita rompe il silenzio: “Nuovi legali perchè voglio la verità”

La replica alle dichiarazioni di suo marito, che aveva criticato la scelta

Marita Comi rompe il silenzio. La moglie di Massimo Bossetti, condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha scritto una lettera alla trasmissione Iceberg di Telelombardia per replicare alle dichiarazioni di suo marito, che aveva criticato la scelta della donna di nominare nuovi legali per ulteriori indagini sul delitto della ragazzina.

leggi anche
  • L'annuncio
    Caso Bossetti, spunta l’avvocato Taormina: “Dubbi sul Dna, ho fatto istanza in procura”
    bossetti taormina

“Dopo aver appreso quanto riportato da vari programmi televisivi e dopo le dichiarazioni di mio marito mi vedo costretta a rompere il silenzio per poter difendere me stessa e le decisioni che ho preso, sempre e solo con l’intento di offrire maggiori opportunità di difesa a mio marito.

Come prima precisazione è necessario sottolineare che è mio completo e assoluto diritto come moglie ma soprattutto come madre, nominare a mio nome altri avvocati che possano svolgere indagini difensive riguardo alla vicenda che ha drammaticamente colpito la nostra famiglia.

Non c’è mai stata da parte mia l’intenzione di intralciare le indagini del pool difensivo che rappresenta mio marito, semplicemente era una mia necessità sentire ulteriori pareri dopo aver assistito impotente alle tre condanne che Massimo ha ricevuto.

leggi anche
  • Il caso
    Negato redditto di cittadinanza a Marita Comi, moglie di Bossetti: “Ne aveva diritto”
    La moglie di Bossetti in tribunale

Ritengo inoltre importante specificare che la mia decisione di far analizzare reperti informatici e consegnare gli altri reperti al nuovo pool difensivo, sorge dalla consapevolezza che nel periodo di quasi un anno in cui i reperti erano disponibili, nessuno del suo pool difensivo ha mai ritenuto importante e opportuno ritirarli o eseguire determinate analisi

Massimo a differenza di quanto dichiarato da lui stesso era a conoscenza e consapevole sin dal principio della mia collaborazione con nuovi avvocati e consulenti a tal punto da richiedere lui stesso un colloquio con l’avvocato da me incaricato. Soltanto dopo tempo, in seguito alle continue pressioni che ha ricevuto, ha cambiato parere.

Distinti saluti.

Marita Comi”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it