BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Diritti dei passeggeri violati”: in arrivo sanzioni per Trenitalia e Trenord

Adiconsum riferisce dell'avvio di procedimenti sanzionatori nei confronti di alcune società di trasporto pubblico, tra le quali figurano anche le due che si occupano del trasporto su rotaia: "Purtroppo non risolveranno il problema dei disservizi quotidiani".

L’Autorità di Regolazione dei Trasporti ha avviato procedimenti sanzionatori per violazione delle misure di regolazione sui diritti e gli indennizzi dovuti ai passeggeri del trasporto pubblico, in particolare quelli con mobilità ridotta, in materia di abbonamenti e più in generale sulle tempistiche massime per il riconoscimento del diritto all’indennizzo per i quotidiani disservizi.

Tra queste società ritroviamo sia Trenitalia S.p.A. che Trenord S.r.l.

“Parliamo di temi importanti per i consumatori – sottolinea Mina Busi, presidente di Adiconsum Bergamo -, come gli indennizzi, le norme con riferimento ai diritti dei passeggeri, in materia di abbonamenti e più in generale sulle tempistiche massime per il riconoscimento del diritto all’indennizzo. I pendolari bergamaschi viaggiano troppo spesso come sardine, con ritardi e soppressioni continue. Molti di loro utilizzano il treno tutti i giorni per andare al lavoro, a scuola o all’università. I loro diritti sono troppo spesso violati”.

Ora si potrà fare un po’ di chiarezza, si augura l’associazione consumatori di via Carnovali: “È un procedimento nel suo insieme ‘giusto’, se le Carte dei servizi non rispettano le delibere dell’Autorità in materia di indennizzi. Il risarcimento purtroppo non risolverà il problema dei disservizi quotidiani a cui vanno incontro i nostri cittadini. Le varie denunce fatte ai vari livelli non trovano risposte adeguate. Attendiamo l’esito del procedimento, ma è evidente fin da subito che se gli indennizzi previsti da Trenitalia e Trenord non risulteranno corrispondenti a quelli obbligatori previsti dalle delibere dell’Authority, scatterà il diritto al risarcimento dei passeggeri”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.