Quantcast
"Tre noci" a Spirano, il tempio della carne convince anche dopo mezzo secolo - BergamoNews
A cura di

Senza prenotazione

Senza prenotazione

“Tre noci” a Spirano, il tempio della carne convince anche dopo mezzo secolo

Questo locale gestito da 51 anni dalla famiglia Cristini non delude mai, neanche quando si sceglie il pesce o un risotto

All’esterno del ristorante non ci sono più gli alberi di noce che hanno ispirato Camillo Cristini 51 anni fa, quando nel 1968 decise di aprire il suo ristorante a Spirano con un nome che richiamasse proprio quelle piante. Ma il Tre noci (che qualcuno chiama ancora affettuosamente Da Camillo) è ancora lì, che gode di buonissima salute.

A portare avanti il lavoro del padre ci pensano Emilia, Daniela e Lory, alle quali si è aggiunto anche un esponente della terza generazione, Giovanni, il figlio di Daniela.

Questo locale oggi è conosciuto un po’ ovunque nella Bergamasca, soprattutto dagli amanti della carne che lo considerano un vero e proprio tempio. Un riconoscimento doveroso: perché può anche essere facile acquistare della grande materia prima al giorno d’oggi, ma non è sempre così scontato trovare chi la carne, poi, te la sappia servire nel modo adeguato.

Ecco, al Tre noci potete stare tranquilli: se amate la ciccia siete nel posto giusto. E difficilmente uscirete dal locale scontenti.

Limitarsi a parlare bene della carne, però, è quantomeno scontato e riduttivo, qui. Perché nel ristorante della famiglia Cristini ogni cosa sembra curata nel dettaglio.

Piace l’ambiente, che è rimasto quello di una volta senza cedere alla moda del minimal a tutti i costi (spesso triste e anonima) dei locali di nuova generazione. È al tempo stesso antiquato, ordinato, leggermente formale e molto pulito. Magnifico il giardino, dove si può cenare d’estate.

Piace il servizio, sempre attento, preciso, puntuale, con un buon ritmo anche “nell’orario di punta” con la sala piena. Le sorelle Cristini dettano i tempi e le giovani dipendenti le seguono senza batter ciglio.

E convince la cucina, che propone, oltre alle carni cotte sulla grande griglia della sala, anche i sapori ruspanti della Bassa e, per accontentare proprio tutti, pure qualche – seppur raro – pescato.

Tre noci
Gnocchetti di patate con vongole e cime di rapa

Come gli gnocchetti di patate con vongole e cime di rapa, morbidi, saporiti, perfettamente bagnati dal brodetto dei molluschi sapido al punto giusto, pulito. Unico aspetto negativo, quel funesto broccoletto (non indicato in carta) che avremmo preferito non trovarci nel piatto.

La tartare di manzo offerta come antipasto ci indirizza nella giusta direzione. Aiuta a scaldare il motore. Ci fa capire la grande qualità della carne, condita con un po’ di prezzemolo, del sale, del pepe, dei capperi, del balsamico e un filo d’olio appena.

Tre noci
Tartare di manzo
Tre noci
Risotto alla milanese con ossobuco di vitello

Il risotto alla milanese – servito secondo la tradizione meneghina con ossobuco di vitello – è ben fatto ma non raggiunge il massimo dei voti. Molto buona la carne. Ci saremmo aspettati forse una mantecatura più generosa e una cottura più al dente del riso (questione di gusti). Ma parliamo di dettagli, sia chiaro.

Se cerchiamo un piatto davvero eccellente, ecco allora le costolette d’agnello: non vorremmo esagerare, ma è forse il miglior agnello assaggiato. Marinata con erbe aromatiche e aceto balsamico, la carne perde quasi del tutto il retrogusto amarognolo caratteristico dell’agnello e acquista un equilibrio splendido che naviga tra il dolce, l’acidulo e l’umami. Praticamente perfetta la cottura.

Nota di merito per la polenta, a grana grossa, rustica, poco salata. L’attrice non protagonista ideale che sa il fatto suo senza rubare la scena a un signor agnello.

Tre noci
Costolette d'agnello con polenta e patate novelle
Tre noci
La cottura perfetta dell'agnello

Per bagnare il tutto ci viene proposto un Nebbiolo Occhetti 2017 di Prunotto che fa un po’ a pugni con le vongole (ne siamo consapevoli quando ordiniamo, non è un errore di chi ci serve) ma che si esprime al massimo con carne e polenta. Per 6 euro al calice è un gran bel bere.

Al Tre noci non si scherza neanche quando si parla di vino: la cantina, infatti, è estremamente fornita con oltre 300 etichette (di cui 250 italiane, ma ci sono anche produzioni straniere e 30 champagne), con un’attenzione particolare per i vini rossi. Ovviamente.

E i dessert? Nemmeno lì si scivola: perfino il gelato è fatto in cucina, e non è per niente male. Cremoso, con rarissime tracce di ghiaccio, abbastanza saporito. Meglio di quello proposto in molte gelaterie artigianali.

Tre noci
Gelato al gusto nocciola del Piemonte

In conclusione. Il Tre noci è davvero un signor ristorante, che vince e convince su tutti i fronti. Perfetto per gli amanti della carne, scelta e cucinata come dio comanda. I prezzi non sono bassi ma va bene così, perché la qualità si deve pagare il giusto (stiamo comunque parlando di una fiorentina da 1300gr venduta a 52 euro, non si sta rubando nulla). Cenando in questo locale si ha ben chiara la capacità della famiglia Cristini di rispettare appieno la propria attitudine territoriale, senza andare alla ricerca di inutili stravolgimenti per inseguire chissà quale pubblico. Insomma, un posto valido, intramontabile.

TRE NOCI
Spirano, via Petrarca 16 – 24050
Tel. 035 877158
Prezzo medio: 42 euro a persona
Chiuso la domenica sera e il lunedì

 

Questa recensione non è frutto di una cena-stampa e il giornalista non ha ricevuto favori, regali o servizi in cambio del proprio giudizio. Non si è palesato né prima né dopo il pasto, rispettando rigorosamente la legge dell’incognito, unica vera tutela del lettore.
“Senza prenotazione” non vuole essere solo un omaggio al grande Anthony Bourdain, ma anche una guida sincera e onesta per chi cerca un posto in cui mangiare a Bergamo e provincia.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Ol Giopì e la Margì
Senza prenotazione
Casoncelli, polenta e non solo: “Ol Giopì e la Margì” ha sempre il suo perché
Ol-fa
Senza prenotazione
“Ol-fà” a Osio Sotto, dove il cocktail di gamberi è ancora di moda
Locanda Viola
Senza prenotazione
“Locanda Viola” a Pagazzano, una squisita novità nel cuore della Bassa
Bù Cheese Bar
Senza prenotazione
“Bù Cheese Bar”: un progetto attraente che potrebbe volare più alto
Osteria del Camelì
Senza prenotazione
“Osteria dei Camelì” ad Ambivere: promossa, ma serve una rinfrescata
Trattoria Brosetti
Senza prenotazione
Originale, divertente, autentica: che bella sorpresa la “Trattoria Brosetti”
Japo Restaurant
Senza prenotazione a domicilio
“Japo” a Treviglio: qualche lievissima pecca per un sushi creativo e allettante
Nasturzio
Senza prenotazione
Bello, buono e concreto: il “Nasturzio” ad Albino è sempre più una certezza
La Scagna
Senza prenotazione
“La scagna” a Bergamo, una trattoria onesta e tradizionale che sa di territorio
Retrobottega
Senza prenotazione
Polpo, pittule e pasticciotti: tutto parla salentino al “Retrobottega” di Treviglio
Le Orbe di Astino
Senza prenotazione
“Le Orbe di Astino” a Bergamo: elegante, raffinato e delicato. A volte troppo
Il Foghero
Senza prenotazione
Quando il pesce è ottimo e costa il giusto: “Il Foghero” a Misano Gera d’Adda
Osteria Scotti
Senza prenotazione
“Osteria Scotti” a Paladina: una villa del ‘600, cornice perfetta a un ristorante impeccabile
Osteria Tre Gobbi
Senza prenotazione
“Osteria Tre Gobbi” a Bergamo, quando la cucina è moderna e concreta
Ribelle e Rascasse
Senza prenotazione
Cicchetti, vini naturali, birre artigianali e cucina di qualità: il “Ribelle e Rascasse” a Treviglio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI