Quantcast
Rapina al supermercato, fuga e aggressione ai poliziotti: arrestati - BergamoNews
Domenica

Rapina al supermercato, fuga e aggressione ai poliziotti: arrestati

Si tratta di Manuel Testa, 36enne di Villa di Serio e di Mamadou Dia, 24enne senegalese senza fissa dimora

Dopo aver rapinato il supermercato MD di Ranica, si erano appostati in via Paleocapa a Bergamo. È lì che domenica pomeriggio un passante li ha notati, a bordo di una vecchia Mercedes, e insospettito ha chiamato la polizia. Una Volante è arrivata sul posto e, quando i due hanno visto i lampeggiati hanno tentato di darsi alla fuga.

È così iniziato un inseguimento che si è protratto fino a Zanica, Azzano, Stezzano e poi ancora in città. Fino a quando, in via Stezzano a Bergamo, gli agenti sono riusciti a raggiungere la vettura. Ma gli occupanti sono scesi e hanno cercato di dileguarsi a piedi. I poliziotti li hanno rincorsi e raggiunti dopo una cinquantina di metri.

I due hanno però cercato di aggredirli, al punto che gli agenti hanno dovuto spruzzare lo spray al peperoncino per placarli e arrestarli. Si tratta di Manuel Testa, 36enne di Villa di Serio e di Mamadou Dia, 24enne senegalese senza fissa dimora, entrambi disoccupati e con precedenti. Durante la perquisizione, l’italiano è stato trovato in possesso di un cacciavite e di circa 100 euro, che lui stesso ha raccontato essere provento di una rapina messa segno un paio di ore prima al supermercato MD di Ranica.

Lunedì il processo per direttissima, con il giudice Andrea Guadagnino che ha convalidato l’arresto con la misura cautelare del carcere fino al 13 gennaio, quando è in programma la prossima udienza.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it