Quantcast
Gigi Riva: "A Valencia? Podemos", Belotti: "Già preso il biglietto per Istanbul" - BergamoNews
I vip atalantini

Gigi Riva: “A Valencia? Podemos”, Belotti: “Già preso il biglietto per Istanbul”

Dall'artista Mastrovito allo scienziato Garattini, le reazioni dopo il sorteggio Champions

Se è vero che l’appetito vien mangiando, l’Atalanta e i suoi tifosi devono avere l’acquolina in bocca. Perché l’occasione – diciamocelo – è di quelle ghiotte. Attenzione, però, ai bocconi indigesti. “Non sarà una passeggiata, ma tra tutte le squadre che c’erano il Valencia è quella che fa meno paura – è convinto Daniele Belotti, che per la Spagna ha già prenotato il biglietto -. Sarei andato anche a piedi. Già abbiamo fatto la storia passando agli ottavi, ai quarti sarebbe leggenda”. Il deputato del Carroccio ci crede eccome: “Quasi quasi la spuntavamo col City, l’Atalanta quand’è al massimo della forma non la batte nessuno”. Tant’è che si è già portato avanti, forse un po’ troppo. “Io due biglietti per Istanbul (città della finalissima, ndr) li ho presi per me e mia figlia. Se l’Atalanta ci sarà o meno non posso saperlo, mai dire mai”.

leggi anche
Champions League
Il sorteggio
Ottavi di finale di Champions League: sarà Atalanta-Valencia

Insomma, la speranza è ultima a morire. Almeno su questo, Belotti e il grillino Dario Violi sono d’accordo: “È così, in Ucraina nessuno avrebbe scommesso sul passaggio dell’Atalanta, invece agli ottavi ci siamo noi. Andiamo avanti senza paura, con grande entusiasmo e voglia di divertirci, dev’essere questa la nostra forza”. Anche Violi non si perderà Valencia, come l’ex sindaco di Bergamo Franco Tentorio: “I biglietti per l’aereo ci sono, adesso mancano quelli per lo stadio”. Il ‘Mestalla’, il più antico di tutta la Spagna, una bolgia da 55 mila posti: “Loro in campionato non vanno benissimo, ma è anche vero che all’ultima giornata hanno fermato il Real Madrid – osserva Tentorio -. Diciamo che se gli altri avversari erano difficilissimi, questo è solo difficile. Pensiamo però un po’ anche a noi, siamo nell’élite del calcio europeo”.

leggi anche
Antonio Percassi
L'intervista
Atalanta-Valencia, Percassi fiducioso: “Ce la giocheremo, Zapata il nostro acquisto di gennaio”

Fiducioso lo scienziato bergamasco Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’istituto ‘Mario Negri’: “Non possiamo lamentarci. Penso che il Valencia sia un avversario abbordabile rispetto alle squadre che potevano capitarci. Certamente sarà importante non avere infortunati, nel match contro il Bologna ci sono mancati il Papu, Ilicic e Zapata, e senza i tre principali artefici dei successi dell’Atalanta è più difficile battersi in modo adeguato. Speriamo che ognuno di loro possa recuperare ed essere in campo in queste due storiche partite”.

La sensazione è che il sorteggio abbia aggiunto entusiasmo all’entusiasmo: “Abbiamo un’opportunità straordinaria, ma bisogna affrontare questa doppio sfida con lo spirito di Kharkiv – avverte l’artista Andrea Mastrovito -. Se non è una sfida impossibile, sarà comunque durissima. ‘Voi pensate che Lipsia o Valencia siano due squadre semplici’ aveva detto ironico il Gasp… Ecco, la penso come lui”.

Gli fa eco Gigi Riva, giornalista de L’Espresso: “Podemos” (possiamo, ndr) ma a una condizione: “Non dobbiamo dimenticare da dove veniamo. Noi tifosi vediamo quanto ha fatto l’Atalanta negli ultimi tre anni e pensiamo che tutto sia possibile, ma non è così”. Sul sorteggio: “È buono, ma i favoriti sono comunque loro e non è il caso di brindare. Saremmo stati contenti anche se fosse capitato il Liverpool: un po’ come andare a cena con Cindy Crawford, cose che capitano una volta nella vita”. Sul valore degli avversari: “Sono una squadra solida, con qualche buona individualità in attacco, ma il vero campione ce l’abbiamo noi ed è il Papu Gomez – assicura Riva -. L’argentino fa sempre la differenza e soprattutto in Champions ha dimostrato che la sua dimensione è davvero universale”.

leggi anche
Gigi Riva
Oggi ad astino
Spoon River Nembro, Gigi Riva ricorda chi non c’è più
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it