BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasp: “Dimentichiamo gli elogi, adesso conta solo il Bologna”

"Mihajlovic bell'esempio di forza e coraggio e con lui il Bologna è una squadra temibile"

Più informazioni su

Il dubbio della vigilia si chiama ancora Papu (“ha preso una forte contusione, vediamo”) la certezza è il rientro di Toloi, la speranza è ritrovare Ilicic almeno per il Milan (“sta recuperando”). Ma intanto Gasperini è carico per il Bologna.

Sara una battaglia domani?
E la Primavera avanti in Europa che effetto le fa? “Ma l’Atalanta da sempre è all’avanguardia con il suo settore giovanile e ora i risultati danno un significato ancora più forte a tutto questo.

Domani?
Si rientra nel campionato dimenticando gli elogi e bisogna resettare tutto per pensare alla partita portando in.campionato tutte le cose positive della Champions, dall’entusiamo a tanto altro”.

La squadra potrebbe risentire la stanchezza per il viaggio e l’impegno?
Ma Gasp non ha dubbi: “Stanchezza non c’è, abbiamo dormito bene e recuperato… Gomez preoccupa di più, Ilicic non c’è però sta recuperando, speriamo per il Milan. Il Papu ha una forte contusione, vediamo oggi. Il tempo è veramente poco per recuperare. Comunque come ho detto più volte l’esperienza in Champions ci sta dando qualcosa in più anche per il campionato dove se abbiamo dovuto lasciare per strada qualcosa, qualche punto. è stato per le assenze. Il quarto posto? Corriamo per fare il massimo e questo non è il momento per fissare obiettivi”.

Negli ottavi di Champions chi prenderebbe?
“Non ho voglia di pensarci adesso, lunedì l’avversario che sarà lasciamolo ai sorteggi. Invece dovremo essere molto bravi e pensare al Bologna che è un’ottima squadra, ha fatto l’anno scorso un ritorno molto positivo con l’arrivo di Mihajlovic. Noi siamo in un buon momento, abbiamo fiducia e riusciamo a esprimerci bene, però ogni partita va giocata e il Bologna è un avversario temibile”.

Si avvicina il mercato, le sue indicazioni?
“Non abbiamo bisogno di 28 o 25 giocatori…con 15 o 16 si completa la rosa, anche in difesa abbiamo avuto assenze sopportate bene, davanti un po’ meno. Non mi serve moltissimo, dipende dall’ambizione, dalla strategia e dalle scelte della società. Quello che posso chiedere è avere un po’ di fortuna negli infortuni e completare un po’ di tasselli”.

Il tasto su cui Gasp batteva già nel mercato estivo è quello dell’attaccante e del difensore. “E certo se non ho Ilicic e Zapata quando rientra? Speriamo non stia fuori tre mesi”…

Domani affronterà Mihajlovic: la sua vicenda?
“Ha commosso tutto il mondo dello sport, lui è un bell’esempio per come uno sportivo può dare fiducia e vederlo in panchina dà una speranza maggiore anche a chi deve combattere con la malattia”.

Infine, quanti complimenti ha ricevuto?
“Ma noi siamo molto felici per Bergamo e contenti per il calcio italiano. Siamo arrivati terzi in Serie A, tre anni fa arrivammo quarti e non si poteva andare in Champions. Ora però ci siamo ancora anche noi…”

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.