BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Moschea di Bergamo, per il giudice non fu truffa: assolto El Joulani

Il pubblico ministero Carmen Pugliese aveva chiesto una pena a due anni e due mesi di reclusione

Più informazioni su

Il fatto non sussiste. Per questo motivo il giudice del tribunale di Bergamo Bianca Maria Bianchi ha assolto Imad El Joulani, 59 anni, il cardiologo giordano già presidente del Centro culturale islamico di via Cenisio a Bergamo, e ora presidente della Comunità islamica bergamasca (Cib).

L’uomo era finito a processo perché, secondo l’accusa, nel giugno del 2015, dopo aver ottenuto a nome del Centro culturale islamico una donazione di 4 milioni e 981mila euro dalla Qatar charity foundation (Qcf), prospettando falsamente la realizzazione di una nuova moschea in via Baioni, avrebbe costituito un’altra associazione denominata Comunità islamica di Bergamo e avrebbe proceduto all’acquisto di un terreno e di un capannone in via San Fermo, utilizzando le somme nel frattempo erogate dalla Qcf, per il tramite di Ucoii (Unione comunità islamiche d’Italia). In questo modo si sarebbe procurato un ingiusto profitto a danno del Centro culturale islamico cui le somme erano destinate.

Il pubblico ministero Carmen Pugliese aveva chiesto una pena a due anni e due mesi di reclusione per truffa.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.