BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, vinci e spera nel City: Guardiola, anche da qualificato, non ama perdere

Nelle ultime cinque sfide di fine girone il tecnico spagnolo ha vinto tre volte, pareggiato e persa una: per i nerazzurri l'unico scenario possibile per la qualificazione agli ottavi è il successo in Ucraina e una non vittoria della Dinamo Zagabria.

Più informazioni su

Vincere con lo Shakhtar e sperare che la Dinamo Zagabria non faccia bottino pieno contro il Manchester City: è l’unico scenario che porterebbe l’Atalanta a una clamorosa qualificazione agli ottavi di Champions League, alla sua prima partecipazione.

Il giorno della verità è mercoledì, in una trasferta che si annuncia tutt’altro che semplice, per il freddo di Kharkiv e la voglia degli ucraini di centrare lo stesso obiettivo.

Come detto, vincere non basta: servirà una mano da Pep Guardiola e dal suo City che, per dirla tutta, non sta attraversando uno dei suoi momenti migliori ed è reduce dalla sconfitta nel derby con lo United che ha fatto svanire forse per sempre le speranze di vincere la Premier League.

Ma proprio la voglia di rivalsa potrebbe giocare a favore dell’Atalanta: un’altra sconfitta, in questo periodo, potrebbe davvero far vacillare la panchina dello spagnolo.

La prima speranza l’aveva data proprio Guardiola dopo il pari contro lo Shakhtar, che aveva significato matematica qualificazione agli ottavi di finale: “A Zagabria andremo con l’intenzione di vincere – aveva promesso – È questione di rispetto nei confronti di Shakhtar e Atalanta perchè è la Champions League, è una competizione prestigiosa”.

Spesso negli ultimi anni il Manchester City si è trovato nella stessa identica situazione, da già qualificato (o quasi) all’ultimo appuntamento della fase a gironi.

Lo scorso anno, con i campo tutti i migliori, superò 2-1 l’Hoffenheim, in una partita che ai tedeschi avrebbe però al massimo garantito il ripescaggio in Europa League.

Nel 2017/2018 perse contro lo Shakhtar Donetsk, permettendo agli ucraini di superare il turno mentre l’anno prima ancora arrivò un pareggio contro il Celtic.

Due vittorie, invece, sulla panchina del Bayern Monaco: da già qualificato vinse 3-0 col Cska Mosca nel 2014/2015 e 2-0 proprio a Zagabria contro la Dinamo nel 2015/2016.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.