BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coppa del Mondo, a Beaver Creek vince lo svizzero Odermatt, top ten per Mattia Casse

Il 29enne piemontese, da alcuni anni residente a Bergamo, ha tagliato il traguardo con 93 centesimi di ritardo dal giovane elvetico

Prosegue anche sulle nevi del Colorado il percorso di crescita di Mattia Casse.

Il 29enne piemontese, da diversi anni residente a Bergamo, ha terminato in decima posizione il supergigante di Beaver Creek, risultando il miglior italiano al traguardo.

Reduce dal quinto posto di Lake Louise, il portacolori delle Fiamme Oro Moena è giunto in America con la consapevolezza di poter far bene, un’aspettativa confermata dal cronometro che ha fermato le lancette in 1’11”83.

Dopo una buona partenza, il velocista azzurro ha contenuto il proprio distacco del tratto centrale, nonostante una velocità abbastanza bassa che ha consentito però al torinese di impostare al meglio le curve.

“Voglio avere continuità, sciare al meglio, essere in forma e questo è quello che devo fare. Il risultato arriverà. Il decimo posto di oggi complessivamente ci può stare, con calma si potrà crescere, mantenendo i piedi per terra – ha dichiarato Casse dopo l’arrivo -. Non era un tracciato facile da capire, non c’era molta velocità. Io ho sbagliato qualcosina e avrei potuto fare un pochino meglio, ma, ripeto, una top ten per oggi mi può star bene. Per la discesa l’obiettivo è ‘giù a tutta’ e poi si vedrà. Qui la differenza si fa nella parte centrale, dopo il muro, dove non bisogna farsi sorprendere. Domani voglio essere me stesso e dare il massimo”.

A trionfare sulla “Birds of Prey” è stato l’elvetico Marco Odermatt che, a soli 22 anni, ha conquistato il primo successo in Coppa del Mondo.

In grado di recuperare un errore sul muro finale grazie ad una prontezza di riflessi, il campione iridato juniores ha distanziato di un decimo il norvegese Aleksander Aamodt Kilde (autore di un’imprecisione poco dopo il Golden Eagle) e di 14 centesimi il leader della graduatoria Matthias Mayer.

Distante Dominik Paris, tredicesimo dopo una prova sottotono, mentre al rientro Matteo Marsaglia ha chiuso la competizione in zona punti.

Archiviata la prova inaugurale, il weekend statunitense proseguirà nella serata di sabato 7 dicembre quando Mattia Casse proverà a esser protagonista anche in discesa libera.

Foto Coni

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.