Quantcast
Telecamere, più sicurezza in città: "Da 107 saranno 160" - BergamoNews
Bergamo

Telecamere, più sicurezza in città: “Da 107 saranno 160”

Il rinnovo della convenzione tra Comune e Atb: "I primi 28 impianti entreranno in funzione entro il giugno 2021"

Cinquantatre nuovi impianti che andranno ad ampliare l’attuale sistema di sorveglianza in città: dai 107 attuali diventeranno 160 entro la fine del 2022. È quanto previsto nel rinnovo della convenzione tra Comune di Bergamo e Atb: un investimento di oltre un milione di euro, circa 360 mila euro l’anno.

“Un sistema all’avanguardia – spiegano da Palafrizzoni – completamente digitale e collegato con la sala operativa della polizia locale, dei carabinieri e della questura di Bergamo”.

Gandi Messina
La conferenza stampa a Palafrizzoni

I primi 28 impianti entreranno in funzione entro il giugno 2021. Saranno posizionati in modo da coprire tutti i quartieri della città, confrontandosi anche con le forze dell’ordine e raccogliendo i suggerimenti dei cittadini.

“Le telecamere non solo servono da deterrente, ma sono anche la prima cosa che le Forze di polizia e gli inquirenti consultano per la loro attività investigativa in caso di crimini – commenta il vicesindaco Sergio Gandi -. Sono anche tra le prime cose che i nostri concittadini chiedono per sentirsi sicuri nei propri quartieri. Il sistema è stato completamente rinnovato, sia per quello che riguarda gli occhi elettronici, sia per quello che riguarda server e software – conclude -. Ora implementiamo ulteriormente questo sistema, con la volontà di arrivare a centrare gli obiettivi del nostro mandato, ovvero arrivare a 200 impianti in città entro il 2024″.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it