Quantcast
"Io, disabile in carrozzina, non posso viaggiare in treno per l'ascensore guasto" - BergamoNews
La segnalazione

“Io, disabile in carrozzina, non posso viaggiare in treno per l’ascensore guasto”

Rfi risponde: "C'è un numero verde gratuito e un servizio di assistenza chiamato 'Sala Blu' per muoversi in sicurezza negli ambienti ferroviari"

C’è chi lo definisce un malato cronico. Parliamo dell’ascensore della stazione di Bergamo, spesso soggetto a guasti e lavori di manutenzione. Ne sanno qualcosa le persone come Orlando, 50 anni, residente in città: “Sono costretto in carrozzina, per questioni mediche ho bisogno di prendere il treno ma da parecchio tempo mi è difficile a causa dell’ascensore guasto”. La moglie, spiega, non riesce a guidare in autostrada e per lui spostarsi rischia di essere un’odissea.

Contattata Rfi spiega per le persone con disabilità o ridotta mobilità esiste un servizio di assistenza chiamato ‘Sala Blu’, per muoversi in sicurezza negli ambienti ferroviari. I servizi possono essere concordati telefonicamente – numero verde gratuito 800 90 60 60 (rete fissa), numero unico nazionale a pagamento 199 30 30 60 (rete fissa e mobile) oppure inviando un’email a SalaBlu.MILANO@rfi.it. La richiesta del servizio, per la stazione di Bergamo, deve essere effettuata almeno 12 ore prima.

Per quanto riguarda l’ascensore “quello sul primo binario sarà ripristinato entro la settimana – assicura Rfi -. Quello sul terzo binario, fermo per dei lavori ai marciapiedi, sarà riattivato entro Natale”.

leggi anche
Erica, alla Mezza di Bergamo con una carrozzina speciale
Col vostro aiuto
Erica, alla Mezza di Bergamo con una carrozzina speciale: la sua storia in un film?
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it