BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arturo Brachetti al Creberg: “In un’ora e mezza porto in scena 60 personaggi”

Il maestro del trasformismo al Creberg martedì 3 dicembre con lo show “Solo - The Legend of quick-change”

“In un’ora e mezza porterò in scena 60 personaggi: sarà un varietà poetico, magico e surrealista”. Così Arturo Brachetti, leggenda del trasformismo, presenta lo spettacolo “Solo – The Legend of quick-change”, che martedì 3 dicembre alle 21 lo vedrà protagonista al teatro Creberg di Bergamo.

Arturo Brachetti

L’artista spiega: “Questo spettacolo è un assolo del maestro del trasformismo, cioè io: proporrò 60 personaggi in un’ora e mezza, ci sarà una sorpresa ogni 20 secondi. È un varietà poetico, magico e surrealista dove non c’è solo il trasformismo ma anche momenti di ombre cinesi, disegni sulla sabbia, lotta con luci laser e videomapping, uno show altamente tecnologico per raccontare la poesia del ritorno all’infanzia”.

In questa esibizione apre le porte della sua casa, una casa in miniatura, simbolo dei ricordi e dei sogni che ciascuno di noi custodisce. “Entrerò con una go pro nelle diverse stanze, ognuna delle quali è associata a un ricordo o a una fantasia che racconterò con le mie trasformazioni. Per esempio, nella camera dei bambini troverò il libro delle favole e diventerò Aladin, Peter Pan, Biancaneve, Cenerentola, Shrek ecc, mentre nella stanza della musica diverrò Pavarotti, Elvis, Michael Jackson, Freddie Mercury, quattro Beatles, Edith Piaf, Madonna e Beyoncé. La casetta è la scusa per presentare dei numeri, ma soprattutto è la casa che abbiamo tutti in testa, la casa dei nostri ricordi, in altre parole il nostro inconscio”.

Brachetti, che quest’anno festeggia 40 anni di successi internazionali, ha un repertorio vastissimo: “A casa ho 450 costumi. Non sono affezionato a un personaggio in particolare, ma nello spettacolo mi piace molto quando volo: dimentico che c’è una macchina teatrale a sorreggermi ed è una sensazione bellissima, do spazio al Peter Pan che c’è dentro di me”.

Ci sono ancora pochi biglietti disponibili. L’artista sottolinea: “Solo è in cartellone da quattro anni in tutto il mondo, io ho 62 anni e il tempo passa: se venite a vedere questo show lo racconterete ai vostri nipoti”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.