Quantcast
Terno, carabiniere ucciso da un ubriaco: per la procura è omicidio stradale - BergamoNews
Chiuse le indagini

Terno, carabiniere ucciso da un ubriaco: per la procura è omicidio stradale video

Il pm Latorraca ha chiesto il rinvio a giudizio per Matteo Colombi Manzi, cuoco 34enne di Sotto il Monte

Per la procura è stato un omicidio stradale la morte di Emanuele Anzini, l’appuntato scelto della compagnia di Zogno travolto e ucciso a 41 anni nella notte tra domenica 16 e lunedì 17 giugno a Terno d’Isola da un’auto guidata da Matteo Colombi Manzi, cuoco 34enne di Sotto il Monte.

leggi anche
Funerale dell'appuntato
A sulmona
Funerale dell’appuntato, figlia in lacrime: “Proteggimi papà, entrerò nell’Esercito”

Nei giorni scorsi il sostituto procuratore Raffaella Latorraca ha chiuso le indagini e ha chiesto il rinvio a giudizio per Colombi Manzi, difeso dall’avvocato Federico Riva, con l’accusa di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza, dalla fuga e dall’omissione di soccorso.

La stessa tesi che il pm aveva ipotizzato in principio, ma che aveva poi modificato in omicidio volontario dopo l’interrogatorio di convalida. In seguito ai risultati delle perizie delle parti, però, l’accusa è tornata a essere quella iniziale.

Secondo quanto ricostruito nel corso dell’inchiesta, quella notte il 34enne, che aveva riavuto la patente solo da tre mesi dopo che gli era stata sospesa per guida in stato di ebbrezza, al termine di una serata di eccessi si era messo al volante della sua Audi A3.

Alle 2.57, giunto all’altezza del distributore Erg in via Padre Albisetti a Terno d’Isola, la Provinciale che da Presezzo porta a Sotto il Monte, l’appuntato Emanuele Anzini, appostato con un collega per un pattugliamento, gli aveva intimato l’alt.

Colombi, che a dicembre era stato denunciato per omissione di soccorso dopo essere fuggito da un incidente con una donna, aveva però proseguito la sua corsa senza nemmeno frenare e travolgendo il militare, che indossava la pettorina fluorescente: il corpo di Anzini finì sul parabrezza, sfondandolo, prima di essere trascinato per alcuni metri.

leggi anche
messa carabiniere ucciso
Lunedì
Investito da un ubriaco: a Zogno messa in ricordo dell’appuntato Anzini

Il 41enne, che avrebbe compiuto i 42 il giorno seguente, rimase sull’asfalto privo di vita, mentre il cuoco dapprima fuggì, ma dopo una decina di minuti tornò indietro e venne stato arrestato dalla polizia stradale. Aveva un tasso alcolico di 2,97 grammi per litro, quando il limite di legge è 0,5.

L’udienza preliminare di fronte al gup Massimiliano Magliacani è in programma il prossimo 24 gennaio.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
polizia stradale
Polizia stradale
Fuggono all’alt e abbandonano l’auto, a bordo 200mila euro di vestiti rubati
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI