BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carona-Foppolo, c’è il bando per la gestione degli impianti

Se non ci saranno intoppi, l'obiettivo è quello di aprire gli impianti di Foppolo il 7 dicembre, quelli di Val Carisole entro sabato 21

Più informazioni su

Dalle parole ai fatti. Per il comprensorio sciistico Brembo Ski, quella di lunedì 25 novembre è una data da segnare con il cerchio rosso sul calendario. Prima di tutto per la pubblicazione delle manifestazioni di interesse per la gestione degli impianti durante la stagione invernale 2019-2020, ma anche per l’inizio dei collaudi di apertura delle seggiovie in Val Carisole.

Era inoltre fissata la firma dell’atto notarile per la stipula del contratto d’affitto (con impegno d’acquisto) degli impianti di risalita tra la curatela fallimentare e il comune di Carona, con il quale è previsto che il paese guidato da Giancarlo Pedretti debba versare 400mila euro, tra affitto e cauzione legata allo stato dei beni.

L’avviso di manifestazione di interesse, pubblicato dal comune di Carona, ha confermato quanto già emerso dai consigli comunali di Foppolo e Carona del 22 e 23 novembre. Entro le 12 di sabato 30 novembre i soggetti interessati alla gestione dovranno consegnare le proprie manifestazioni di interesse, alle quali, dopo la scelta di una commissione apposita, seguirà l’invito per presentare l’offerta per la gestione degli impianti sciistici di Carona e Foppolo, che verranno affidati indicativamente dal 5 dicembre 2019 al 15 aprile 2020.

Carona darà in gestione i beni della Brembo Ski in località Carisole, tra cui impianti di risalita e di innevamento, i generatori di neve, gli automezzi e il software Ski Data, oltre alle aree edificabili in località Paese, le aree agricole di interesse pubblico e gli edifici asserviti agli impianti di risalita. Per quanto riguarda Foppolo, rientrano nell’accordo di gestione le seggiovie Ronchi-Quarta Baita e Quarta Baita-Montebello e le relative stazioni, oltre alla biglietteria al Piazzale degli alberghi (con un contratto di locazione di 7.500 euro oltre Iva da stipulare con la società July Srl).

L’aggiudicatario dovrà inoltre stipulare un contratto di 70mila euro oltre Iva per i terreni appartenenti alla Monte Carisole Comunione di Beni e Devil Peak Srl. Il canone è quello già previsto di 210mila euro oltre IVA, da versare in due rate: 50% alla stipula del contratto e il restante entro il 28 febbraio 2020.

Nella manifestazione di interesse, oltre a tariffe di utilizzo degli impianti concordate con i due comuni, è previsto che il gestore debba garantire il funzionamento dell’impianto di arroccamento Alpe Soliva, che da Carona porta al comprensorio sciistico. A garanzia degli obblighi, inoltre, dovrà essere prestata una fideiussione bancaria di 400mila euro, che scadrà il 30 maggio 2020.

Nel frattempo Carona non rimane con le mani in mano. Lunedì 25, come scritto precedentemente, è stato ufficializzato l’accordo tra la curatela fallimentare e il comune per la stipula del contratto d’affitto degli impianti, che prevede il versamento alla curatela di 400mila euro per l’affitto.

Sono poi iniziati poi i collaudi delle seggiovie in Val Carisole. “Le manutenzioni continueranno poi per tutta la settimana” ha confermato il sindaco Pedretti. Tempistiche confermate, con il via agli impianti di Foppolo il 7 dicembre e un’apertura complessiva del comprensorio, con la Val Carisole, sabato 21 dicembre. “Finalmente ci siamo, speriamo che questa azione condivisa possa essere solo l’inizio di un lungo percorso” spiegano Pedretti e Gloria Carletti, sindaco di Foppolo. I tempi stringono, ma bisognerà pazientare ancora una settimana prima di avere novità sul destino del comprensorio dell’alta Val Brembana.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.