• Abbonati
La protesta in piazza

Anche a Bergamo il movimento delle sardine: in poche ore 2.500 sostenitori

Tanti non solo i “like” all’iniziativa ma anche i commenti di sostegno e gli inviti a scendere in piazza (Piazza Vecchia propone più d’uno) come è successo a Bologna e a Modena e come si sta organizzando in altre città

In poche ore hanno toccato quota 2.500 le sardine di Bergamo che nel pomeriggio di mercoledì hanno aperto la pagina ufficiale su Facebook.

Tanti non solo i “like” e le adesioni all’iniziativa ma anche i commenti di sostegno e gli inviti a scendere in piazza (Piazza Vecchia propone più d’uno) come è successo a Bologna e a Modena e come si sta organizzando in altre città.

Ma l’amministratore della pagina risponde: “Per chi sta proponendo discese in piazza, calma. Le piazze fanno paura. Perché sono piene di gente. Perché sono libere. Perché hanno rovinato il tappeto rosso che la Lega si era steso in Emilia Romagna. Ma questo è un bene, perché vuol dire che la società civile si è risvegliata dal torpore e che non si piega. All’inizio nessuno si era accorto delle sardine. Oggi ci sono circa 40 piazze pronte a reagire spontaneamente alla retorica del populismo con la creatività e il sorriso sulle labbra. Ma i promotori delle sardine e anche chi ha partecipato alle prime iniziative di piazza vengono insultati e minacciati”. Ragion per cui le iniziative vanno organizzate perbene e con calma.

Ma cos’è questo movimento esplicitamente anti-Lega e anti-Salvini? “Siamo semplici sardine che da un concetto semplice hanno risvegliato un grande movimento democratico che in meno di due settimane si appresta a portare decine di migliaia di liberi cittadini nelle piazze a dire NO allo schifo che viene gettato addosso all’essenza della democrazia: la partecipazione”.

Infine l’invito a diffidare dai profili fake. La mail 6000sardine@gmail.com è l’unico mezzo per contattare i promotori.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI