Sorte attacca Gori: "+33% di tasse comunali, altro che regalo di Natale" - BergamoNews
Lo scontro

Sorte attacca Gori: “+33% di tasse comunali, altro che regalo di Natale”

Il deputato di 'Cambiamo!': "Con la crescita dell'Irpef dallo 0,6 allo 0,8%, piove sul bagnato: il maggior carico fiscale si somma alle tante imposte che già graveranno sulle tasche dei cittadini a causa di una manovra fatta solo di nuovi balzelli"

“Il ‘bel’ regalo di Natale che Giorgio Gori ha riservato ai cittadini di Bergamo, subito dopo essere stato rieletto sindaco, è l’aumento delle tasse comunali del 33%”. Lo dichiara in una nota il deputato di Cambiamo! Alessandro Sorte. “Con la crescita dell’Irpef comunale dallo 0,6 allo 0,8%, peraltro, piove sul bagnato: il maggior carico fiscale, infatti, si somma alle tante imposte che già graveranno sulle tasche dei cittadini bergamaschi a causa di una manovra fatta solo di nuovi balzelli”.

leggi anche
  • Bergamo
    La Giunta Gori ritocca all’insù per la prima volta l’addizionale Irpef
    palafrizzoni

È aumentato, ed è la prima volta da quando il sindaco Gori governa la città (cioè dal 2014), l’addizionale Irpef per le famiglie di Bergamo. L’annuncio è arrivato dal vicesindaco e assessore al Bilancio Sergio Gandi che ha presentato la previsioni di entrate e di spesa per il 2020: tra queste proprio un incremento, dallo 0,6 allo 0,8 per cento dell’Irpef: una quota che, ha spiegato Gandi, è in vigore in una bella fetta (l’85%) dei capoluoghi di provincia.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it