Fermato dopo un inseguimento: in auto aveva cocaina e in casa 8.700 euro in contanti - BergamoNews
Bassa

Fermato dopo un inseguimento: in auto aveva cocaina e in casa 8.700 euro in contanti

L'uomo non si è fermato all'alt dei carabinieri ad Arcene: è stato arrestato a Verdello dopo aver tentato la fuga

In auto aveva della cocaina, in casa banconote per 8.700 euro. È stato arrestato lunedì 18 novembre, dopo un inseguimento iniziato ad Arcene e concluso a Verdello, M.M., un 31enne di origine marocchina, disoccupato e pregiudicato, regolarmente sul territorio italiano.

I carabinieri di Treviglio, dopo aver intercettato ad Arcene una Lancia Ypsilon, hanno invano invitato l’uomo alla guida a fermarsi per sottoporsi ad un controllo di polizia. Nel tentativo di darsi alla fuga, è scaturito un inseguimento protrattosi sino a Verdello, in via Cerase, dove i militari sono riusciti a fermare l’auto ed arrestare l’uomo alla guida che nel mentre, abbandonata la vettura, e tentato di disfarsi di un grosso involucro in cellophane, ha cercato di dileguarsi nei campi venendo raggiunto e bloccato dalle forze dell’ordine.

Recuperato l’involucro lanciato per terra ed eseguita la perquisizione personale, sono stati rinvenuti 50 grammi di cocaina.

La successiva perquisizione domiciliare eseguita a casa del 31enne, a Lurano, ha consentito ai carabinieri di rinvenire e sequestrare oltre 8.700 euro, somma suddivisa in banconote di piccolo taglio e ritenuta dagli inquirenti provento dello spaccio.

Dopo una notte passata in cella l’arrestato, nella mattinata di martedì 19 novembre, è stato trasferito al Tribunale di Bergamo per la convalida del fermo e la sottoposizione al giudizio per direttissimo.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it