BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, la Juve e poi la Dinamo: due match fondamentali con uno Zapata in più

Il colombiano sta bene ed è pronto al rientro: sarà lui a guidare l'attacco nerazzurro nelle due delicatissime partite di sabato 23 e martedì 26

Inizia a ripopolarsi Zingonia: oltre a chi non se n’è mai andato, pian piano stanno tornando a disposizione di mister Gasperini tutti i nerazzurri che hanno risposto alle chiamate delle rispettive nazionali.

Già rientrati Freuler (per un problema muscolare, ma non è nulla di grave), Djimsiti, Ibanez e Malinovskyi, martedì si rivedranno a Bergamo Barrow, Colley, Gollini e Kjaer. Il Gasp dovrà attendere mercoledì, invece, per tornare a lavorare con Castagne, de Roon, Pasalic, Muriel e Ilicic.

A proposito dello sloveno: espulso nel match contro il Cagliari domenica 3 novembre, è stato stoppato per due gare, ma l’Atalanta ha tempestivamente presentato ricorso per provare a ridurre il fermo a un solo incontro e qualora venisse accolto (la decisione si saprà giovedì), Gasperini avrebbe nuovamente a disposizione il numero 72.

La buona notizia per il tecnico piemontese è che contro la Juventus riavrà a disposizione Duvan Zapata. Il colombiano sta bene ed è tornato ad allenarsi regolarmente con i compagni: sabato potrebbe già partire nell’undici titolare.

Duvan Zapata, classe 1991: sabato tornerà in campo
Zapata

Chi non ci sarà sicuramente contro i bianconeri è Ruslan Malinovskyi, squalificato dopo il cartellino rosso rimediato a Genova con la Samp.

Altre frecce che tornano nell’arco di Gasperini sono Robin Gosens e Andrea Masiello, ormai recuperati dai problemi muscolari che ne avevano limitato l’impiego nelle ultime uscite pre-pausa.

Fondamentale per il tecnico sarà avere tutti gli elementi a disposizione e al top della forma. Perché oltre al big-match della 13^ di campionato con la Juve (sabato alle 15), i nerazzurri torneranno in campo martedì 26, a San Siro, contro la Dinamo Zagabria: sarà una vera e propria finale per restare aggrappati al sogno europeo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.