BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Le Mans ’66”: tra motori e amicizia una storia vera che emoziona e commuove

Una storia vera che racconta la lotta titanica tra Ken/Davide e la Ford/Golia. Una storia adrenalinica

Titolo: Le Mans ’66: La grande sfida

Regia: James Mangold

Attori: Matt Damon, Christian Bale, Jon Bernthal, Caitriona Balfe, Tracy Letts, Josh Lucas

Durata: 152 minuti

Giudizio: ***

Carroll Shelby, grande ingegnere e pilota, interpretato da Matt Damon, è il primo americano ad aver vinto la 24 ore di Le Mans, una delle gare automobilistiche più difficili al mondo. Ma quando scopre di soffrire di una grave patologia cardiaca, è costretto ad appendere il casco al muro e a reinventarsi venditore e costruttore di auto.

Nel frattempo, il pilota e meccanico Ken Miles, interpretato da un dimagritissimo e scavato Christian Bale, si affanna tra officina e gare automobilistiche locali per tentare di mettere del cibo in tavola per la sua famiglia; ma il suo carattere, difficile e spigoloso, gli mette spesso i bastoni tra le ruote.

Tuttavia Ken, per quanto burbero e senza maniere, ha un dono che nessun altro ha: lui sente la macchina, come se fosse umana; la percepisce, la capisce; anticipa le sue mosse, la rispetta e conosce bene i suoi limiti. Ken è un pilota eccezionale.

Shelby e Ken sono vecchi amici e vivono in un momento storico in cui la Ford, colosso automobilistico americano, è stufa di farsi mettere i piedi in testa dalla piccola Ferrari italiana. Così, quando Henry Ford II ingaggia Shelby per costruire una macchina da corsa targata Ford che sia in grado di sconfiggere la Ferrari, Shelby non ha dubbi su chi sia la persona più indicata a portarla in pista.

Però Ken è sgarbato, lunatico, troppo diretto, imprevedibile. Non incarna l’immagine “dell’uomo Ford”. Non è commerciale. Ma il suo talento è ineguagliabile e Shelby lo sa. Motivo per cui si batterà con le unghie e con i denti per far sì che sia proprio Ken a correre la Le Mans del ’66 a bordo della nuova Ford GT.

Una storia vera che racconta la lotta titanica tra Ken/Davide e la Ford/Golia. Una storia adrenalinica, emozionante e commovente che racconta prima di tutto un’amicizia coraggiosa, più forte dei soldi, della fama e delle apparenze. Un’amicizia vera tra persone vere, che condividono la stessa grande passione.

Insomma, non il solito film sulle auto. Matt Damon torna alla ribalta con un ruolo che gli si addice perfettamente e Christian Bale ci sorprende ancora una volta, dopo la sua ottima interpretazione in Vice – L’uomo nell’ombra, di come riesca, in così poco tempo, a incarnare due personaggi così diversi, sia fisicamente che spiritualmente; e soprattutto riesca a farlo così bene.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.