Quantcast
"Treni Bergamo-Milano sempre più pieni: a rischio sicurezza di noi passeggeri" - BergamoNews
La lettera

“Treni Bergamo-Milano sempre più pieni: a rischio sicurezza di noi passeggeri”

"Oltre a essere un disagio notevole, è lesivo della dignità stessa di ognuno dei viaggiatori"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Simone Cattaneo, un pendolare bergamasco, in merito alla situazione dei treni che la mattina percorrono la tratta Bergamo-Milano, sempre più pieni di passeggeri:

“Salve, sono un pendolare Trenord sulla famigerata tratta Bergamo-Milano. Devo segnalare che ormai da diverse settimane i treni da Bergamo del primo mattino sono pieni di gente all’inverosimile, con pericoli per la sicurezza dei viaggiatori.

Mi riferisco in particolare al 7,02 da Bergamo diretto a Milano Centrale e al 7,16 diretto a Porta Garibaldi. Il 7,02 parte da Bergamo e già alle 6,45 è stracolmo di gente: alla partenza non c’è più un posto e le persone affollano in piedi corridoi e spazi tra i vagoni, stipati come animali (potete immaginare come peggiorino le condizioni alla stazione successiva di Verdello).

Questo, oltre a essere un disagio notevole, è lesivo della dignità stessa di ognuno dei viaggiatori, tra cui molti, come me, si spostano per lavoro. È inoltre pericoloso per l’incolumità degli stessi, non oso pensare a cosa potrebbe succedere in caso di incidente, evento che purtroppo si è già verificato in passato con esiti tristemente famosi.

Vi invito a dare visibilità ulteriore alla situazione dei pendolari in viaggio verso Milano, situazione che negli anni, nonostante endorsement di comodo da parte di alcuni esponenti politici, non ha fatto che peggiorare. Va posto un freno a questa situazione: fra scioperi, ritardi e corse folli per cambi di binario dell’ultimo secondo, il viaggio di chi per vivere deve spostarsi coi mezzi non è già di per sé piacevole, figuriamoci in condizioni come quelle descritte”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it