Quantcast
“La crisi dei negozi di vicinato? Da 4 anni la combatto col mio Kebab bergamasco” - BergamoNews
L'intervista

“La crisi dei negozi di vicinato? Da 4 anni la combatto col mio Kebab bergamasco” video

Omar Mottini gestisce insieme alla mamma la gastronomia “Le Delizie” a Osio Sopra: nel 2015 l’intuizione della rivisitazione del tipico panino turco con ingredienti solo a chilometro zero che sta conquistando consensi a ogni livello.

“Per un anno e mezzo quel pezzo di carta dove avevo annotato la mia ricetta è rimasto in un cassetto: non ci dormivo la notte, poi mi sono convinto a realizzare il progetto che oggi mi sta regalando emozioni e riconoscimenti che nemmeno osavo sognare”.

Omar Mottini, 41 anni, insieme a mamma Giovanna gestisce la gastronomia “Le Delizie” a Osio Sopra, tipico negozio di vicinato nato nel 1958 e oggi conosciuto in tutta la Bergamasca grazie alla sua invenzione: il KebaBg.

Omar Mottini kebabg

“Sono sempre stato appassionato del mio lavoro – racconta – ma questo panino è frutto di una pazzia: c’era il bisogno di uscire da quella crisi stringente che ancora oggi attanaglia i negozietti di paese, così ho deciso di rivisitare la tradizionale ricetta turca in salsa bergamasca”.

Dal 2015 a oggi il kebab bergamasco, marchio registrato, è rimasto sempre lo stesso: il pane, studiato con il panificio di Ettore Gipponi che dista solo pochi passi e che lo sforna ogni giorno, è prodotto con farine bergamasche a marchio “Qui Vicino”, la pasta di salame con le parti pregiate del maiale è speziata e impastata col vino rosso come da tradizione, prima di essere scottata alla griglia.

Oltre a salsa yogurt e piccante (sempre create da Omar), nel panino ci sono anche insalata, pomodori, cipolle, bacon e straccetti di un roastbeef scelto da macellai locali con carni da allevamenti lombardi.

“La curiosità dei clienti ha portato al successo del panino – spiega Omar – C’è sempre stata la voglia di provare qualcosa dal nome orientale ma con un gusto che riportava immediatamente a Bergamo. Il primo assaggio l’ha fatto un amico, bendato: ‘Hai vinto’ mi ha detto dopo il primo morso”.

Tra i tanti attestati di stima, il KebaBg ha allietato la pausa pranzo del consiglio regionale della Lombardia, ha potuto partecipare al prestigioso “streetfood” organizzato dalla famiglia stellata Cerea ed è stato finalista al concorso per il miglior panino lombardo organizzato a Milano Golosa dall’Accademia del Panino Italiano.

Omar Mottini kebabg

Ma i migliori, forse, sono quelli quotidiani che arrivano dai cittadini: “I KebaBg, dalla versione mini a quella maxi, sono richiestissimi per eventi aziendali e feste ma la soddisfazione di vedere entrare in gastronomia giovani e famiglie è davvero tanta – ammette Omar – È un prodotto che ha ringiovanito la clientela e ha allargato il giro, c’è chi viene addirittura appositamente da fuori provincia per mangiarlo”.

E per la storica gastronomia di Osio Sopra è una bella boccata d’ossigeno: “Ci dà la speranza e la forza di riuscire a continuare – conclude – Siamo qui da 61 anni, abbiamo visto negozi di vicinato chiudere a causa della concorrenza dei supermercati. Il periodo è ancora critico, se non hai la passione fai presto ad abbassare la saracinesca. Agli altri gestori dico: se avete qualcosa che vi fa sognare, fatelo. Buttatevi, osate anche nella comunicazione: io gestisco personalmente anche i canali social, facendo un po’ di marketing e di relazioni. Poi, è chiaro, dietro ci deve essere un prodotto di qualità perché quello fa la differenza”.

(immagini e montaggio video di Paolo Cavagna)

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it