BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiori e lettere da Bergamo per i 3 pompieri morti: il grazie del Comando

Mentre nella notte è stato fermato dopo un lungo interrogatorio il proprietario della cascina con l’accusa di omicidio plurimo

Fiori, lettere e cordoglio: i cittadini di Bergamo dimostrano con questi gesti il loro grande cuore e rendono onore ai tre Vigili del Fuoco morti ad Alessandria in seguito all’esplosione di una vecchia cascina nella notte tra lunedì 4 e martedì 5 novembre per la quale nella notte è stato fermato dopo un lungo interrogatorio il proprietario della cascina stessa, Giovanni Vincenti con l’accusa di omicidio.

”Vogliamo ringraziare di cuore la popolazione di Bergamo per l’affetto che ci sta dimostrando in queste ore tristi e difficili – spiegano i Vigili del Fuoco del Comando di Bergamo, guidato dal comandante Calogero Turturici -. I cittadini si recano alla sede del comando, dove vi è il monumento in ricordo di tutti i nostri caduti, e lasciano fiori e lettere in onore dei nostri colleghi dimostrando vicinanza e affetto anche nei confronti delle loro famiglie. Gesti importanti che ci riempiono il cuore: ringraziamo calorosamente”.

I funerali di Matteo Gastaldo, 46 anni, Marco Triches, 38 anni, e Antonio Candido, 32 anni, sono stati celebrati ad Alessandria nella giornata di venerdì 8 novembre: le salme sono state portate a spalle dai colleghi; non sono mancate lacrime di commozione, applausi e le sirene dei Vigili del Fuoco.

Mente in Piemonte il Vescovo stava celebrando i funerali, i cittadini di Bergamo hanno trovato il modo di stare vicino alle famiglie delle vittime e a tutta la grande famiglia dei Vigili del fuoco, colpita da un lutto che ha dell’incredibile.

Una tragedia che colpisce in modo particolare il comando di Bergamo, visto che il comandante Turturici, prima di approdare in terra orobica, ha ricoperto il ruolo di vicecomandante ad Alessandria dal 2005 al 2011. Nella tragica notte di inizio novembre, Turturici si trovava proprio nella città piemontese e, avendo ricevuto una chiamata di aiuto da parte degli ex colleghi, si è recato in piena notte sul luogo della tragedia.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.