Quantcast
Fallimento Jd Service: 5 arresti grazie a Mecca, morto nello schianto del suo aereo - BergamoNews
Il retroscena

Fallimento Jd Service: 5 arresti grazie a Mecca, morto nello schianto del suo aereo

Il commercialista aveva segnalato alla procura la totale inattendibilità delle scritture contabili e la falsificazione dei bilanci

Voleva organizzare una cena all’Aeroclub di Orio al Serio di cui era vicepresidente per celebrare con Fiamme Gialle e magistrati la conclusione dell’operazione “Tribe”. Stefano Mecca, però, non ha potuto vedere i cinque arresti di venerdì perchè è morto a 51 anni sei giorni dopo lo schianto del suo Mooney Mk20 D-Eise, la mattina del 21 settembre, quando per cause ancora in fase di accertamento il piccolo aereo da turismo è finito prima addosso a un palo dell’illuminazione pubblica e poi contro il terrapieno dell’asse interurbano, prendendo fuoco. Tra le fiamme morì anche sua figlia Marzia, 15 anni.

leggi anche
chiara stefano mecca aereo caduto piper mooney
Il retroscena
Aereo caduto, morti padre e figlia: la sorella Chiara volava per la seconda volta

Mecca, commercialista e curatore fallimentare di alto livello, si era accorto subito che qualcosa non andava nei conti della Jd Service, società di ristorazione e catering fallita il 30 agosto 2017. Aveva segnalato le anomalie alla procura di Bergamo, perchè quel dissesto era costato il posto di lavoro a 767 persone con famiglie da mantenere. Proprio per questo ci teneva particolarmente alla risoluzione di questo caso e nelle ultime settimane prima della morte non aveva in testa altro.

L’inchiesta era stata assegnata al magistrato Emanuele Marchisio, specializzato in reati finanziari. Tra il Pm e il pilota era da subito nato un rapporto di grande fiducia e collaborazione, con il commercialista di Gazzaniga che aveva collaborato a stretto contatto con gli uomini della Guardia di Finanza che hanno eseguito perquisizioni e accertamenti.

leggi anche
Guardia di finanza nostra
Operazione tribe
Società di ristorazione, conti prosciugati: 5 arresti, in 767 senza lavoro

Proprio grazie alle soffiate di Mecca venerdì si è arrivati agli arresti di Luca Triberti, l’imprenditore 46enne che sarebbe a capo della truffa, il commercialista, consulente tributario Fabio Premi, 57 anni, originario di Erba. Risulta ricercato Giuseppe Monachello, 74 anni, di Canicattì, che non è ancora stato ancora rintracciato. E ai domiciliari sono finiti Natale Bacis, 64 anni, di Verdellino, commercialista e Davide Tinè, originario di Saronno, 37 anni.

Mecca aveva posto in luce la totale inattendibilità delle scritture contabili e la falsificazione dei bilanci al fine di mantenere l’accesso al credito bancario. Una persona esemplare e un commercialista insolito, l’hanno definito gli inquirenti che a lui si erano affezionati, tanto da partecipare il 2 ottobre al suo funerale e dedicargli, con un pizzico di commozione, la chiusura della complessa indagine.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
defendi
Morirono padre e figlia
Un anno fa salvò due sorelle nell’aereo caduto: “Questa cicatrice mi ricorda tutto”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI