Area Sanremo, tra gli 8 vincitori anche la bergamasca Alessia Gerardi - BergamoNews
Di lallio

Area Sanremo, tra gli 8 vincitori anche la bergamasca Alessia Gerardi

Due di loro saranno selezioni per partecipare al Festival. La 20enne si era esibita tre anni fa nella nostra redazione

Area Sanremo, la rassegna che seleziona i giovani tra cui saranno selezionati i due nomi che parteciperanno al Festival della canzone italiana, ha indicato gli otto vincitori e tra loro c’è la giovane bergamasca Alessia Gerardi, 20enne di Lallio che si era esibita tre anni fa nella nostra redazione.

leggi anche
  • La storia
    Alessia, cantautrice a 17 anni, creatività e bella voce: “Ma esibirsi dal vivo non è facile”
    alessia gerardi

La cerimonia di proclamazione è avvenuta al Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo. Dopo una giornata di audizioni in cui i 63 finalisti sono stati ascoltati dal vivo con il brano nella versione integrale, la commissione, sotto la direzione artistica di Massimo Cotto, presieduta da Vittorio De Scalzi e composta da Teresa De Sio, Petra Magoni, Andy Bluvertigo e Gianni Testa, ha decretato i vincitori.

Ecco i loro nomi: Jaqueline Branciforte (Acate,Ragusa) con Game over, Matteo Faustini (Brescia) con Nel bene e nel male, Gabriella Martinelli e Lula (Montenesola, Taranto; Roma) con Il gigante d’acciaio, Alessia Gerardi (Lallio, Bergamo) con Atipica, Alex Leo (Valsamoggia, Bologna) con A cuore fermo, Camilla Magli (Carovigno, Brindisi) con Eterno rosso, Arianna Manca (Quliano, Savona) con Andarsi bene e Andrea Riso `Messya´ (Reggio Calabria) con T.s.o.

Ora tra questi nomi la commissione Rai selezionerà i due che andranno al Festival tra le nuove proposte. Le schede di valutazione dei vincitori verranno pubblicate successivamente per non influenzare i giudizi della commissione

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it