BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Officina del BenEssere

Informazione Pubblicitaria

Il maestro Max Archetti: “Il Kung Fu come stile di vita”

Il fondatore dell'Ecovillaggio Cascina Gervasoni si racconta e spiega come sono nate la Fattoria Cascina Gervasoni (a San Giovanni Bianco, frazione San Gallo) e l'Officina del BenEssere (a Curno)

“Il Kung Fu è molto più di un’arte marziale: le mie scelte e i miei progetti sono ispirati alla sua filosofia“. Così il maestro Max Archetti spiega la grande passione che nutre per questa pratica dalla tradizione antichissima, che lo ha portato a fondare l’Ecovillaggio Cascina Gervasoni che ha ben due sedi in provincia di Bergamo: la sede rurale del progetto alla Fattoria Cascina Gervasoni (a San Giovanni Bianco, Frazione S.Gallo) e la sede urbana del progetto all’Officina del BenEssere (a Curno).

Max ha iniziato ad approcciarsi a questo mondo sin da ragazzino, muovendo i primi passi lungo la strada che sta proseguendo tuttora, fin da bambino infatti comprende e sperimenta l’uso delle mani sia per curare che per combattere. Il percorso scolastico che ha compiuto e le numerose certificazioni conseguite costituiscono un importante valore aggiunto alla sua preparazione arricchendola progressivamente come tasselli di un unico grande mosaico.

Max Archetti

La volontà di approfondire la conoscenza delle tradizioni marziali antiche, partendo dal Kung-Fu e dal suo significato tradizionale lo ha portato a sviluppare una formazione completa che unisce l’allenamento di corpo, mente e cuore ad una forte sensibilità per l’ambiente, frutto della sua anima ecologista, l’attenzione per il benessere, la meditazione, l’educazione, i trattamenti olistici e la medicina tradizionale cinese (MTC) e le pratiche di cura ancestrale d’Occidente.

Come ricercatore delle antiche arti occidentali ha intrapreso nel 2000 anche lo studio dell’uso delle erbe per equilibrio e benessere portandolo ora a produrre pregiati tè alle erbe prodotti in Valle Brembana. L’approccio al bosco di famiglia, che Max custodisce nel luogo in cui vive, lo ha spinto ad approfondire e studiare la meditazione ancestrale iniziandosi alla pratica indigena, percorso nel bosco in cui incontra il tamburo sciamanico e dà avvio allo studio del tamburo vibrazionale come mezzo di potere ed equilibrio.

Max Archetti

Lo studio delle pratiche olistiche, dal 2000 ad oggi come completamento del percorso di insegnamento delle arti marziali d’oriente e d’occidente, ha portato il maestro Max a specializzarsi in Medicina Tradizionale Cinese e tecniche complementari come Tuina, Moxa e Coppettazione, il massaggio olistico è derivato come parte della tradizione famigliare, come operatore si è approcciato alle tecniche di bagni sonori con strumenti ancestrali e integra la pratica con la conoscenza di cristalli ed oli essenziali.

Max Archetti ora è maestro di Kung Fu, ma sono molti gli ambiti spotivi in cui si è approcciato in questi oltre 20 anni di insegnamento: è allenatore federale di kick boxing full contact, allenatore del settore giovanile di atletica leggera, istruttore federale di fitness specializzato in fitness & body building, allenatore di pesistica e cultura fisica, assistente ai bagnanti dell’associazione Salvamento, istruttore di aqua-walk per l’Accademia Italiana del Fitness, dal 2004 tiene corsi di combattimento storico medioevale specializzatosi poi nel 2012 nel combattimento celtico con spada, scudo, bastone e lancia e più recentemente nel combattimento storico sportivo SCAB di cui è allenatore.

Max Archetti spiega: “Mi è sempre piaciuto lo sport: da bambino inizialmente ho praticato nuoto, pallavolo, calcio e basket ma soprattutto atletica leggera e dal 1990 al 1997 sono stato pluricampione regionale ed italiano di corsa nel settore giovanile. Nel frattempo, a dieci anni, mi sono cimentato nel Wushu Kung Fu, considerando che ho sempre avuto la passione per il combattimento e le arti marziali. Ho iniziato con lo Shaolin Kung Fu e dopo due anni (a soli 12 anni) con il Sanda-SanShou, le specialità su cui mi sono concentrato: il combattimento libero cinese. Io al tempo ero il praticante combattente più giovane in Italia e in quegli anni non c’era nemmeno distinzione tra sfide con o senza ko, che oggi fortunatamente è vietato per i minorenni, quindi erano scontri molto duri. Sfruttare le abilità dell’atletica è stato utile, perché mi hanno reso particolarmente agile e questa caratteristica mi ha aiutato molto nei combattimenti. Allenandomi con impegno e determinazione ho ottenuto importanti risultati: dal 1992 al 2002 sono stato pluricampione regionale, italiano e internazionale di Wushu Kung Fu, vincendo anche un titolo mondiale giovanile a Mosca nel 1998 nel combattimento sportivo cinese: il Sanda. A 16 anni, inoltre, ho cominciato a fare l’allenatore di wushu kung-fu e a 18 di sanda: sono stato l’insegnante più giovane di Wushu in Italia e a 18 anni ho conseguito il patentino di allenatore federale”.

A livello scolastico, dopo essersi diplomato al liceo scientifico “F. Lussana” di Bergamo, dove è stato rappresentante di istituto in quarta superiore, si è laureato in scienze dell’educazione curricula ambientale all’Università degli Studi di Bergamo. Nell’ateneo bergamasco è stato fondatore, promotore e Capolista della Lista Universitaria di Scienze dell’Educazione “Scienza&Arte”, rappresentante del corso di Scienze dell’Educazione alla sua nascita nell’Ateneo di Bergamo.

Proprio durante gli anni universitari, dopo un confronto con il professor Walter Fornasa, ha avuto l’idea di avviare il progetto che porterà alla nascita dell’Ecovillaggio Cascina Gervasoni: originale e innovativo, coniuga il suo amore per la natura e il profondo legame con Madre Terra cardine anche del Kung Fu.

Max Archetti è educatore ed ha una pluriennale esperienza, dal 2000 al 2004 ha coordinato numerosi progetti per Regione Lombardia diretti a minori e famiglie in difficoltà, è stato coordinatore di progetti scolastici ed extra-scolastici, di educazione motoria ed emotiva.

Max Archetti con alcuni colleghi universitari fonda nel 2004 l’Associazione di promozione Sociale EDASS – Educatori Associati ed è attualmente responsabile del CEEA Cascina Gervasoni (Centro di Ricerca e Sviluppo per l’Educazione e l’Etica Ambientale in montagna) anche come esperto organizzatore di campi ambientali residenziali in Val Brembana.

Dal CEEA Cascina Gervasoni (Centro di Etica ed Educazione Ambientale) Max ha sviluppato l’Ecovillaggio con diversi step: prima appunto con l’associazione, poi nel 2005 con l’azienda agricola e infine nel 2009 l’agriturismo.

La Fattoria Cascina Gervasoni ubicata nella frazione Foppe di San Gallo a San Giovanni Bianco, si trova in una location particolarmente suggestiva: è immersa nei boschi e nella natura. È un’oasi priva di chimica, la produzione avviene con metodi naturali, la cucina del piccolo ristorante propone piatti vega-vegetariani. Max è specializzato nella coltivazione, raccolta e trasformazione delle erbe, da cui produce circa 60 varietà di tè alle erbe nostrane e con cui cucina oramai da oltre 10 anni.

 

Max Archetti gestisce l’Agriturismo personalmente, e senza dipendenti, occupandosi di agricoltura, vendita di prodotti, ristorante e ospitalità: accoglie le persone su prenotazione per pranzo, cena, merenda o colazione e campi vacanza in modo da potersi organizzare al meglio; inoltre attraverso il contatto con la Terra offre sostegno educativo alle persone in difficoltà in particolari momenti della loro vita.

Max Archetti

In Fattoria si occupa della parte culturale e sportiva organizzando corsi, workshop, meditazioni, escursioni ed allenamenti. Il poliedrico fondatore afferma: “Si chiama Gervasoni in riferimento al nome dei miei avi, nome  che ho trovato scritto sulla porta quando ho acquisito la Cascina che in passato era appartenuta ai nonni di mia nonna.” “Era il contesto ideale per sviluppare l’attività che avevo in mente, perché amo la natura, gli animali, la libertà, gli spazi aperti e la semplicità. Alcuni lo definiscono uno stile di vita da indigeno italiano, che rappresento anche all’interno del Festival Lo Spirito del Pianeta come ambasciatore esponente delle antiche tradizioni di montagna, in quanto ricercatore di cultura celtico-druidica, l’antica cultura europea di connubio con Madre Terra”.

“Mi ispiro inoltre alla regola benedettina e a figure come sant’Antonio Abate, san Colombano e san Francesco d’Assisi, ma anche alle correnti filosofiche del buddismo e del taoismo. Lavorando in questo luogo seguo i principi del Kung Fu, cioè ‘divenire abile attraverso l’esercizio’, ovvero la capacità di eseguire un compito grazie all’abilità acquisita nel tempo con un continuo addestramento, che è poi il suo significato letterale di Kung-Fu: infatti, con gli ideogrammi cinesi questo termine viene raffigurato attraverso il simbolo di un uomo chino intento a lavorare la Terra.

Cascina Gervasoni è un bio-cantiere sempre in attività…dove il bosco è inoltre la mia naturale palestra e in questo ambiente alleno anche gli allievi che me ne fanno richiesta.”

 

L’emanazione urbana dell’Ecovillaggio Cascina Gervasoni è l’Officina del BenEssere, di cui dal 2017 il maestro Archetti è coordinatore responsabile e Direttore Tecnico pro bono. L’Officina del BenEssere è situata a Curno in via Enrico Fermi, 52/A, ne riprende i valori e li attua dal punto di vista sportivo. L’Officina del BenEssere è stata aperta nel febbraio 2017, ha un’ampia palestra, costruita in bioedilizia, dove vengono promossi corsi di arti marziali e attività ludiche, oltre ad un ampio spazio di aggregazione per grandi e piccoli che ricalca la struttura di una casa comune…. una comunità ….come in un Villaggio.

L’obiettivo in prospettiva è aumentare la partecipazione dei cittadini bergamaschi per risvegliare la consapevolezza e creare un polo di Benessere e Cultura.

Max Archetti conclude: “Quotidianamente mi impegno nello svolgimento di ogni attività e, insieme agli altri volontari, siamo pronti ad accogliere nuovi soci e tutte le persone che condividono lo spirito del progetto e vogliano dare una mano entrandone a far parte per renderlo più grande e forte“.

Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 3382677703 (Max) oppure al 3333709004 (Sara), inviare un’e-mail a cascinagervasoni@edass.eu oppure consultare il sito www.officinadelbenessere.online. Sui social seguire la pagina Facebook “Officina del Ben Essere“, il canale YouTube  “Max Archetti”, oppure il profilo Instagram “Rete_cascina_gervasoni“.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.