BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Per un errore del Caf perdo reddito di cittadinanza”. La replica: no, ci sono tempi da rispettare

Botta e risposta tra una lettrice di Bgnews e Il Caf della Cgil sul caso di un 60enne residente in città, rimasto paralizzato dopo un ictus

Claudio Bilotta, 60 anni, di Bergamo, nel gennaio 2018 è rimasto paralizzato dopo un grave inctus. La donna che lo assiste, Stefania Sironi, ha scritto una lettera a Bergamonews dove spiega perché gli è stato revocato il reddito di cittadinanza, e impedito di partecipare al bando case popolari di Bergamo. Il tutto, sostiene, per degli errori di carattere burocratico non suoi.

“Claudio – spiega – vive solo, in un monolocale in affitto non calmierato, non supportato da alcun membro della famiglia, con un assegno di di invalidità di 700 euro più 500,00 di accompagnamento. Il Comune di Bergamo, tramite il Sad , gli fornisce un aiuto 2 ore al giorno da lunedì a venerdì”.

Vista la ristrettezza dei locali e la mancanza di fondi, non gli è possibile prendere una badante. “Ogni mese – prosegue Stefania – sostiene 225 euro di spese di riabilitazione, in quanto non ha più diritto a questo tipo di cure gratuitamente. Passa la sua vita tra letto e sedia a rotelle, e la riabilitazione gli sta permettendo di stare almeno seduto diritto e di poter riprendere a vedere sul lato sinistro. Mangia tutto frullato e addensato a causa della disfagia, conseguenza dell’ictus”.

Claudio Bilotta, 60 anni, vive in città
Claudio Bilotta

Le visite di controllo (è stato craniotomizzato) vanno pagate, perché diversamente gli appuntamenti sarebbero ben oltre il giugno 2020. “Ogni due mesi l’Isee corrente va rinnovato ma il Caf Cgil non ha dato la disponibilità di rinnovo nei tempi prescritti, nonostante ripetute telefonate, e gli altri caf interpellati non possono redigerlo – scrive nella lettera -. Inoltre il Caf, in sede di rinnovo dell’ISEE corrente, non ha inserito il reddito di 700 euro erogato dall’Inps, che a sua volta non se ne è accorto e ha validato la dichiarazione. Una dichiarazione che non si può usare perché errata, pena responsabilità penali, e non può essere corretta perché l’Inps l’ha validata. Non può nemmeno essere rifatta perché l’ISEE corrente ha validità 2 mesi e non si può rifare prima di tale data”.

Claudio quindi, “per un errore non suo” avrebbe perso reddito di cittadinanza senza poter fare nuova richiesta. Secondo Stefania, nemmeno può avere certificazione di indigenza e partecipare al bando case popolari. “Presto – conclude – finiranno i soldi della liquidazione, è stato licenziato a causa dell’impossibilità di rientrare al lavoro. Io, pur avendo una casa e mantenendomi da sola, sto facendo il possibile per supportarlo in tutte le pratiche burocratiche e lo sto assistendo quasi 24 ore al giorno, ma ho bisogno di qualcuno che mi sostituisca per evitare di perdere il mio lavoro. Il reddito di cittadinanza, percepito per due mesi, era l’ancora per poter dare a Claudio una vita almeno decente e dignitosa e un errore formale, che né il Caf né l’INPS vogliono correggere, gliela sta togliendo”.

LA RISPOSTA

Il Caf della Cgil, contattato, rimbalza ogni responsabilità: “La signora – rispondono – avrebbe dovuto presentarsi per il rinnovo dell’Isee corrente entro settembre, invece si è presentata a metà ottobre, ben oltre la data di scadenza. Quando l’Inps non vede l’Isee corrente aggiornato, fa riferimento a quello ordinario presentato nel mese di febbraio. La signora sapeva che andava rinnovato ogni due mesi, visto che aveva già effettuato la procedura correttamente per tre volte. Ad ogni modo, abbiamo già preso appuntamento con lei per farle presentare una nuova domanda e risolvere nel migliore modo possibile la questione”.

“Ho chiesto l’appuntamento nei tempi previsti ma, vista la presenza delle ferie di agosto, mi hanno detto di richiamare a settembre – replica Stefania Sironi -. A quel punto mi hanno comunicato di non avere posto disponibile fino ad ottobre”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefy61

    Il Caf non mi ha permesso di prenotare in tempo perchè ho dovuto aspettare settembre per chiedere appuntamento, solitamente lo prenotavo in occasione della presentazione isee, ma a luglio non è stato possibile rinnovare appuntamento visto il periodo di chiusura di agosto.