BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Otto ultrà sulla black-list: ecco perché i tifosi atalantini hanno scioperato

Nei primi 10 minuti di Atalanta-Cagliari la Nord è rimasta in assoluto silenzio: ecco il motivo della protesta

Ci sono otto ultrà atalantini nella black-list della Questura che non possono entrare allo stadio. È stato questo il motivo dello sciopero che la curva Nord ha osservato nei primi 10 minuti di Atalanta-Cagliari domenica 3 novembre.

La black-list è una vera e propria lista nera nella quale finiscono i tifosi che hanno subito una condanna, per la quale si vedono poi vietato l’acquisto di biglietti e abbonamenti.

È successo a otto bergamaschi, finiti nella poco piacevole lista per una condanna di primo grado (emessa nel gennaio scorso) subita dopo i presunti coinvolgimenti negli scontri di un match tra Atalanta e Roma.

C’è poi un secondo motivo che ha portato alla decisione di scioperare domenica scorsa: un daspo, comunicato a un 30enne della Nord che, secondo la Questura, avrebbe insultato degli agenti in servizio durante la gara Spal-Atalanta dell’agosto scorso, prima giornata del campionato in corso.

“Il sistema repressivo della Questura – hanno scritto in una nota gli esponenti della Nord atalantina – sta continuando a macinare vittime senza senso, al solo fine di destabilizzare il nostro gruppo portante e per indebolire tutto il mondo Atalanta. Il messaggio è chiaro”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.