BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coppa del Mondo, storico record per Filippo Ganna nell’inseguimento

L'ex alfiere del Team Colpack ha fermato il cronometro in 4'02"647, migliorando così di oltre quattro secondi il primato appartenente all'americano Ashton Lambie

Rimarrà impressa nella storia del ciclismo l’impresa compiuta da Filippo Ganna durante la prima tappa di Coppa del Mondo.

Nella mattinata di domenica 3 novembre l’ex alfiere del Team Colpack si è infatti imposto nell’inseguimento individuale, realizzando il nuovo record del mondo della specialità.

Apparso pimpante sin dalla mattinata, durante il primo turno il campione del mondo ha fermato il cronometro in 4’04”252, abbassando così di tre secondi il primato appartenuto all’americano Ashton Lambie.

Non appagato per il risultato appena ottenuto, il giovane piemontese si è migliorato ulteriormente in finale doppiando prima l’inglese John Arcibald e tagliando poi il traguardo in 4’02”647.

“Questi record gli daranno più consapevolezza dei grandi mezzi di cui è dotato – ha dichiarato nel dopo-gara il C.T. Marco Villa -. È una vittoria straordinaria e, se Filippo me lo permette, vorrei dedicare una parte di questa vittoria a tutto il gruppo azzurro e a tutto lo staff. Siamo tutti qui, presenti in pista a sostenerlo, è il trionfo di un bellissimo gruppo“.

Week-end pieno di soddisfazioni anche per Miriam Vece che a Minsk ha realizzato il miglior tempo italiano di sempre nella velocità femminile.

La portacolori della Valcar-Cylance Cycling ha completato i 200 metri in programma in 10”985, abbassando così di quasi tre decimi il proprio personale.

Prestazione sottotono invece per Simone Consonni che, dopo il successo nella Sei Giorni di Londra, non è andato oltre il settimo posto nella madison.

In coppia con Elia Viviani, il 25enne di Brembate Sopra si è messo in luce nella prima parte della competizione andando a segno sia nel primo che nel terzo sprint in programma.

La conquista del giro da parte di alcuni team avversari ha tagliato le gambe al duo azzurro che ha terminato la propria prova con 27 punti.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.