Quantcast
Diario di un assaggiatore di formaggi: che esperienza ai World Cheese Awards - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

FORME News

Forme 2019

Diario di un assaggiatore di formaggi: che esperienza ai World Cheese Awards

Un giornalista amante dell'arte casearia, catapultato all'interno della grande manifestazione che venerdì 18 ottobre si è svolta alla Fiera di Bergamo

Venerdì 18 ottobre. Quando arrivo alla Fiera di Bergamo non sono ancora le 8.30: ho più di mezz’ora d’anticipo e non mi capita praticamente mai di arrivare prima a un appuntamento. Sarà la voglia di iniziare questa nuova esperienza: in giuria ai World Cheese Awards, io che il formaggio l’ho sempre amato e – ultimamente – anche studiato a fondo.

Da quando mi hanno annunciato che avrei potuto far parte della grande squadra dei giurati ai Mondiali del Formaggio non ho fatto altro che pensarci. E poi ho approfondito tutto quello che ho potuto sull’arte dei latticini: come si tratta il latte, come si producono questo e quel formaggio, i dettagli della stagionatura e come si riconoscono difetti e pregi.

Insomma, ho preso l’impegno molto seriamente.

World Cheese Awards
Erano 260 i giurati ai World Cheese Awards di Bergamo

La squadra dei giurati è praticamente immensa: siamo in 260 e dobbiamo valutare oltre 3800 formaggi.

Veniamo divisi in “squadre” da tre. Con me, al tavolo 33, ci sono Megane, commerciante di formaggi londinese sulla quarantina (l’età precisa mica gliel’ho chiesta…), e Giovanni, 55 anni, originario della Romagna ma madrileno dal 1989. Insieme, dobbiamo dare un giudizio a 35 formaggi.

Gli assaggi iniziano alle 9.30 e finiscono alle 12.30 in punto: assegniamo 4 “bronzi”, 7 “argento” e 3 “ori”. Oltre al “supergold” che finisce dritto al tavolo dei finalisti dal quale intorno alle 18.30 esce il vincitore della 32^ edizione dei World Cheese Awards.

Sappiamo solo a grandi linee che formaggio abbiamo assaggiato, la scheda tecnica che ci è stata fornita è priva di dettagli per evitare di influenzare i giurati. Ma ci viene molto facile riconoscere durante la “finalissima” quel Parmigiano Reggiano (stagionato 24 mesi) che si contenderà fino all’ultimo il gradino più alto del podio con l’erborinato statunitense, il Rogue River Blue, poi vincitore.

World Cheese Awards
Il formaggio vincitore dell'edizione bergamasca

Ebbene sì, è uscito dal tavolo 33 – il mio – il formaggio che si è classificato secondo ai World Cheese Awards.

Soddisfazione doppia per un giurato poco esperto come me, che forse qualcosina dell’arte casearia la sta iniziando a capire per davvero.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
World Cheese Awards
Forme
A Bergamo decretato il formaggio più buono del mondo: è il Rogue River Blue
Strachitunt
Sènt che göst
Dal risotto di Léveillé ai World Cheese Awards: lo Strachítunt protagonista di Forme
World Cheese Awards
L'ultimo vincitore
Fanaost, il formaggio norvegese che ha trionfato ai World Cheese Awards 2018
Forme
L'evento
Mostre, laboratori, webinar: Bergamo torna capitale del formaggio con Forme
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI