BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo Insolita #3

Sul blog di Bergamo City Kiwi i consigli per scoprire la città in modo alternativo

Terza puntata di questo speciale racconto della nostra Bergamo più affascinante: ti regalo quattro storie di luoghi incantevoli della mia città, tutti da scoprire in queste stupende giornate con i primi colori autunnali!

Non sai di cosa sto parlando? Prima di tutto ti consiglio di recuperare subito le precedenti puntate, e poi ti spiego di cosa si tratta: Bergamo Insolita è una rubrica diversa, nata dal fatto che, quando viaggio, mi piace cercare sempre qualche luogo alternativo, fuori dagli schemi turistici, che mi regali una vista panoramica, un’opera d’arte nascosta, una dimora storica “WOW”!

Così ho deciso di offrire qualche spunto simile a chi visita la mia città: che tu sia un Bergamasco DOC o che tu sia un viaggiatore in visita a Bergamo, poco importa. L’importante è avere con te la mappa di Bergamo City Kiwi e indossare scarpe comode e occhi nuovi, per ammirare tutto questo incanto!

Bergamo Insolita #3

ALBERGO AGNELLO D’ORO

Se sei arrivato in città alta con la funicolare ti bastano pochi passi lungo la Corsarola per
scoprire una delle piazzette più affascinanti della città sul colle. Piazza S. Pancrazio ospita infatti, oltre alla Chiesa da cui prende il nome e la fontana omonima, anche una casa-torre, che è stata fin dagli anni Sessanta sede dell’Albergo-Ristorante Agnello d’Oro. Osserva le finestre e i loro balconcini in ferro: più salgono verso il cielo, più si riducono di dimensioni! Con questo effetto ottico pare che l’alta torre sia ancora più alta! Il ristorante ora è chiuso per restauri, ma come dimenticare le pareti di quella storica locanda, così colmi di chincaglierie e di bellezze? Per non parlare dei famosi risotti del Sig. Pino Capozzi, tra cui il gustosissimo Risotto alla Bergamasca con salsiccia, taleggio e Valcalepio… bene, mi è venuta fame!

LA MIGLIOR TERRAZZA LUNGO LE MURA

Alzi la mano chi non si fa una passeggiata lungo le mura di Città Alta quando è stressato, stanco, o semplicemente ha una gran voglia di voglia di stare in spazi aperti e respirare di fronte ad una vista meravigliosa.. Ecco, io sono una di quelle persone! Non sono state sempre amate dai Bergamaschi, anzi, la loro storia è davvero travagliata. Tant’è che quando vennero costruite lasciarono tracce dolorose indelebili nella nostra città; eppure in un qualche modo il nostro punto di vista è cambiato e oggi le amiamo più che mai. Io ho un angolo del cuore, un pezzettino di mura speciale, spesso poco frequentato…

….. Leggi tutto l’articolo sul blog di Bergamo City Kiwi!

 

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.