BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Francesco Renga al Creberg per il suo tour: “Sarà un vero e proprio spettacolo”

Il cantante si esibirà mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre presentando il suo nuovo album "L'altra metà"

“Porterò in scena un vero e proprio spettacolo”. Così Francesco Renga presenta il doppio concerto che lo vedrà protagonista mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre alle 21 al teatro Creberg di Bergamo.

Le due esibizioni rientrano nel calendario de “L’altra metà Tour”, con cui sta presentando dal vivo il suo nuovo album di inediti disponibile in versione cd, in vinile e in digitale.
Lo abbiamo intervistato per saperne di più.

Cosa propone con questo tour?

Porterò in scena un vero e proprio spettacolo: dalla scenografia, alla scaletta, ai vari momenti che si susseguiranno in questo concerto. È un spettacolo pensato per i teatri: avevo voglia di tornare ad una dimensione più intima più bella, per ritrovare il contatto non solo visivo ma anche fisico con la gente. In scaletta ci saranno i miei classici, come “Angelo”, e chiaramente anche brani di questo ultimo lavoro. Lo spettacolo sarà attraversato da un file rouge, un tema conduttore che non sarà solo l’amore.

Che argomenti tratta questo suo nuovo lavoro?

È un disco che parla anche d’amore, un disco che parla della vita, di ciò che avevo bisogno di raccontare. Parte da un’urgenza quasi fisica che è quella di un racconto. Ero alla ricerca di un linguaggio nuovo (che credo di aver trovato) e avevo voglia di mettermi in gioco e giocare con un linguaggio più ancorato a questo mondo, che cambia repentinamente di giorno in giorno. Un disco che parte dalla consapevolezza di aver trovato un linguaggio moderno, nuovo ma che mi rispetta in toto. Mi piace definirlo uno “spartiacque” perché credo che ci sia proprio un “prima” e un “dopo” rispetto a questo disco. Alcune cose che si sono innescate in questo album derivano dal rapporto che ho con i miei figli, da come crescono, da cosa ascoltano. Questo disco è anche il risultato del rapporto che ho con loro. I miei figli sono le persone che mi hanno fatto crescere di più.

Francesco Renga

Il disco contiene collaborazioni con giovani artisti come Ultimo e Gazzelle. Cosa pensa della nuova ondata musicale di questi mesi?

Credo che quello che sta accadendo nella musica sia molto bello e tanto importante. Si tratta di una rivoluzione vera e propria. Nel giro di nemmeno un anno, il panorama e la musica stessa sono cambiati profondamente. Essere alla ricerca di un nuovo linguaggio mi ha portato a mettermi in contatto con un mondo spinto verso il futuro e quindi a mettermi di nuovo in discussione.

Come si resiste per quasi 20 anni?

Questo credo che sia frutto del lavoro, di intuizioni più o meno giuste, di errori fatti e commessi dai quali ho imparato, ma credo che l’ambizione e la curiosità, la voglia di mettersi in discussione e un pizzico di fortuna siano i fattori principali… ma sopra ogni cosa, ciò che conta davvero è il pubblico. Riuscire a farlo crescere, svilupparlo e metterlo sempre al centro. Riuscire a tenere vicino la propria gente è ciò che non si deve mai perdere di vista. Costruire un rapporto importante.

 

Fotografie di Francesco Prandoni

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.