BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Parco del Serio devastato dai temporali estivi: “Ripianteremo, tornerà più bello di prima”

Interi boschi rasi al suolo tra Romano di Lombardia, Bariano e Morengo; situazione critica anche a Fornovo e Mozzanica. Il direttore Comandulli: "Siamo al lavoro per sistemare tutto"

L’estate che si è appena conclusa ha lasciato il segno nella Bassa bergamasca: diversi temporali, accompagnati da trombe d’aria vere e proprie, hanno messo in ginocchio il Parco del Serio. In alcuni casi gli alberi hanno perso qualche ramo o si sono solo piegati su se stessi, in altri, invece, sono stati letteralmente sradicati da terra.

Il fenomeno più grave quello del 7 agosto scorso, quando venti sopra i 100 km/h hanno sradicato interi boschi, lasciando dietro a sé una vera devastazione.

“Ad avere la peggio sono stati i boschi di pioppi ibridi, alcuni rasi completamente al suolo – spiega l’architetto Laura Comandulli, direttrice del Parco del Serio -. Nel Cremasco il 2 e il 12 agosto sono passate due trombe d’aria che hanno creato parecchi disastri, mentre nella Bassa bergamasca il fenomeno più violento è stato senza dubbio quello del 7 di agosto”.

“Eventi atmosferici così forti sul parco non se ne ricordano proprio – continua la direttrice -. Dopo aver fatto la conta dei danni abbiamo dovuto organizzare la macchina operativa per muoverci immediatamente: tanti percorsi ciclopedonali erano impraticabili, mentre altri erano pericolosi. Con l’aiuto della protezione civile abbiamo messo in sicurezza tutta la zona, ma ora viene il grosso del lavoro: rimuovere le piante più grandi che sono cadute”.

Alcune piante sradicate a Bariano
Parco del Serio
Un sentiero ciclopedonale che collega Bariano a Morengo
Parco del Serio

Nel breve periodo, quindi, si penserà al recupero degli arbusti più grossi finiti a terra: “Abbiamo affidato il lavoro a un’azienda di Valbrembo – spiega l’architetto Comandulli -, dopodiché semineremo nuovi impianti di piantagioni miste, molte delle quali non a rapido accrescimento e quindi con radici più forti e resistenti. L’obiettivo è ripiantare e far diventare il parco più bello di prima. “.

Inoltre, il Parco del Serio si muoverà anche sul fronte bandi: “Ne stiamo tenendo d’occhio qualcuno per avere a disposizione più risorse per le nuove piantagioni. I requisiti per accedervi non ci mancano – conclude la direttrice del parco -, vedremo cosa riusciremo a portare a casa”.

Alcune piante a terra nell'area di Romano di Lombardia
Parco del Serio

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.