BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppolo-Carona, stagione a rischio: “Audizione urgente in Regione”

La richiesta del Consigliere regionale Alex Galizzi: "Spero si possano analizzare le potenzialità per trovare soluzioni facilmente percorribili"

Più informazioni su

Il Consigliere regionale della Lega Alex Galizzi ha richiesto di convocare “con urgenza” un’audizione in Regione Lombardia, nella Commissione Montagna, alla presenza dei sindaci di Foppolo, Carona e del commissario prefettizio di Valleve, oltre ai curatori fallimentari incaricati dal tribunale e le parti economiche del territorio. “Questo per condividere con i consiglieri regionali la pesantissima questione del futuro incerto della Brembo Ski”, la società dei Comuni di Foppolo, Carona e Valleve fallita nel febbraio 2017 e ora gestita dai curatori fallimentari Anna Maria Angelino, Alberto Carrara e Federico Clemente.

“Sono consapevole e convinto che la Valbrembana ed in particolare l’alta valle non possano permettersi di perdere i ricavi provenienti dall’indotto generato da questo comprensorio sciistico – spiega Galizzi -. Già il 13 giugno, insieme al sindaco di Foppolo Gloria Carletti, avevo incontrato i curatori fallimentari incaricati dal tribunale per affrontare la problematica e analizzare con loro eventuali proposte coinvolgenti anche Regione Lombardia. Purtroppo nei giorni successivi all’incontro e per tutta l’estate sembrava che potessero arrivare proposte interessanti per l’acquisizione dei lotti in asta ma tutto è finito in fumo”.

Galizzi ricorda anche il suo interessamento affinché Regione Lombardia assuma “una parte attiva, anche su base finanziaria, per tutelare l’economia della Valle Brembana” e permettere la riapertura degli impianti. “Con questa audizione – conclude – ritengo si possano analizzare le potenzialità e le disponibilità per trovare soluzioni facilmente percorribili. La Valle Brembana, già in sofferenza, non può permettersi di subire altri danni economici e quindi credo che si debba ragionare per dare soluzioni efficaci come i cittadini e le parti economiche si aspettano”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.