Rischio crolli troppo alto: ancora chiusa la chiesa di San Lino a Lurano - BergamoNews
Bassa

Rischio crolli troppo alto: ancora chiusa la chiesa di San Lino a Lurano

Dall'ottobre 2018 nessuna funzione viene svolta nella struttura di via Secco Suardo, alla quale sono perfino state silenziate le campane per evitare vibrazioni

È passato un anno – era l’ottobre del 2018 – da quando la chiesa parrocchiale di San Lino a Lurano è stata chiusa. Una decisione presa dal parroco del paese, don Stefano Manfredi, per salvaguardare la sicurezza dei fedeli.

La motivazione era semplice: all’interno della struttura di via Secco Suardo, costruita negli anni ’60, facilmente riconoscibile per la sua struttura moderna, c’era un elevato rischio di crolli. La chiusura è stata decisa con una certa urgenza, complice la presenza di alcune crepe sulla facciata che avevano allarmato il sacerdote e gli abitanti di Lurano.

Dopo alcuni controlli è stato riscontrato ciò che si temeva: quella chiesa era pericolosa.

Sono perfino state silenziate le campane, per evitare che, con le vibrazioni prodotte, il rischio di crolli aumentasse.

Campane silenziate alla chiesa di San Lino per il rischio crolli

A distanza di un anno, però, la situazione non è cambiata. Sono state fatte diverse analisi e diverse ricerche ma lo stato della chiesa parrocchiale rimane invariato.

Gli abitanti di Lurano, per la prima volta da anni, a settembre, non hanno potuto festeggiare il proprio patrono nella chiesa di San Lino.

Complici queste problematiche, le cerimonie, da un anno a questa parte, si celebrano nell’auditorium, in quella che era stata la chiesa di Lurano in passato, prima della costruzione e dell’apertura della nuova struttura, ora chiusa a tempo indeterminato.

La chiesa di San Lino, a Lurano, costruita negli anni '60
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it