BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Esasperata dal figlio che la picchia, 68enne si rivolge ai carabinieri che lo arrestano

L. P. , 38enne con problemi di alcol, è stato portato in carcere. Era già stato indagato per maltrattamenti alla compagna e alla figlia di lei

Lo aveva riaccolto in casa sperando di aiutarlo a sistemarsi, ma ben presto la vita è diventata un incubo per una donna di 68 anni di Terno d’Isola. Ogni giorno riceveva insulti e minacce da quel figlio 38enne con problemi di alcol, che talvolta la picchiava e rompeva qualsiasi cosa trovava in casa.

Venerdì 11 ottobre, disperata per quella situazione, l’anziana, vedova, ha trovato il coraggio di recarsi dai carabinieri di Calusco d’Adda e di raccontare tutto, ma senza sporgere denuncia.

Dopo aver ascoltato le sue parole, i militari hanno però deciso che era giunto il momento di intervenire. Essendo un reato perseguibile d’ufficio (ossia anche senza una denuncia), si sono rivolti al magistrato di turno, Emanuele Marchisio, che ha avviato una serie di accertamenti sull’uomo.

L. P. , 38 anni, senza fissa dimora, da qualche settimana era uscito dal carcere dopo che era stato indagato per un’altra vicenda simile. Questa volta a essere picchiata sarebbe stata la sua compagna, con una figlia piccola, anche lei a sua volta spesso oggetto di maltrattamenti, secondo il racconto della convivente.

Una volta fuori di cella, all’uomo era stato imposto il divieto di avvicinamento alla casa della compagna. La mamma gli aveva così proposto di tornare nell’abitazione in cui era cresciuto. Voleva aiutarlo a rifarsi una vita, ma lui ha iniziato a maltrattare pure lei. Spintoni, percosse e le urla della donna impaurita che in un paio di occasioni avevano attirato l’attenzione dei vicini, i quali avevano chiesto l’intervento degli stessi carabinieri di Calusco.

Il pm Marchisio ha così chiesto e ottenuto da giudice per le indagini preliminari Ciro Iacomino un provvedimento di custodia cautelare in carcere. Lunedì pomeriggio i militari l’hanno prelevato dall’appartamento della madre e condotto nel penitenziario di via Gleno a Bergamo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.