BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mirko Delfranco, l’artista bergamasco selezionato da Sgarbi per la Biennale Milano

Poeta, pittore, scultore, artista a tutto tondo: ha 47 anni e viene da Romano di Lombardia. "Ciò che realizzo è semplicemente il frutto di ciò che sento nel mio intimo"

C’è anche un bergamasco, Mirko William Delfranco, 47enne di Romano di Lombardia, tra gli artisti selezionati da Vittorio Sgarbi per la terza edizione di Biennale Milano – International Art Meeting.

La rassegna ha preso il via giovedì 10 ottobre e si concluderà lunedì 14 ottobre al Brera Site, in via delle Erbe 2, nel cuore di Milano: cinque giornate interamente dedicate al mondo dell’arte e a tutto ciò che vi gravita attorno.

Ideate e organizzate dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, verranno arricchite dalla presenza di numerosi illustri ospiti, come il cantautore Morgan e il soprano Katia Ricciarelli, che porteranno, ciascuno a suo modo, la loro testimonianza da artisti.

Tra gli ospiti ci saranno anche Josè Dalì, figlio del grande Salvador Dalì; lo stilista Alviero Martini; il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo; la giornalista Rai Antonietta Di Vizia e la curatrice d’arte di Montecarlo Maria Lorena Franchi.

La manifestazione renderà visibili a un pubblico internazionale le creazioni di talentuosi artisti contemporanei italiani e non. Tra i quali spicca anche il bergamasco Delfranco, poeta, pittore, artista a tutto tondo che ha iniziato a esprimere l’esigenza creativa inizialmente attraverso la scrittura, e poi, spinto più da un impulso interiore che da una reale presa di coscienza, verso la pittura, e di seguito all’arte in genere, realizzando anche complementi d’arredo che gli piace definire in modo provocatorio, “plurimaterici” anziché polimaterici.

Equilibrium, opera di Mirko William Delfranco
Mirko Delfranco
Respice et Vide, di Mirko William Delfranco
Mirko Delfranco

“Ciò che realizzo è semplicemente il frutto di ciò che sento nel mio intimo – si racconta l’artista di Romano -. Osservo il mondo circostante, che sia una pietra, un ramo o altro, e solo dopo avere interiorizzato ed assimilato determinate sensazioni che provocano in me, trasformo tutto ciò in oggetti visibili e tattili; siano essi funzionali, o di carattere puramente estetico. Tutte le mie opere sono pezzi unici, così come lo sono le emozioni che le hanno generate”.

“Utilizzo prevalentemente elementi naturali – spiega ancora Delfranco -, poiché evocano nel loro stato primordiale un senso di unione con la terra che ci ospita, e simultaneamente di innalzamento verso uno stato di connessione cosmica, ed eterea”.

Purezza, di Mirko William Delfranco
Mirko Delfranco

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.