BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abbasso le trasgressioni! La generazione della “regola come comfort-zone”

Le regole sono per voi come mura di cemento armato, e non esiste ponte levatoio.

Più informazioni su

Generazione Z.

Generazione che viene criticata dalle generazioni che sono state criticate, anche se sembrano esserselo dimenticato.

La storia si ripete.

La trasgressione viene in ogni caso demonizzata, anche quando si tratta di trasgressione positiva, viva, pensata.

Non ti vesti come dovresti vestire, non pensi ciò che dovresti pensare, sai in realtà pensi troppo per essere una ragazza, non ami chi dovresti amare, forse è meglio se non parli di politica. Sembra di essere tornati al Neoclassicismo: solo se imiti il passato puoi tendere verso una perfezione che rimarrà comunque intangibile. E a quale passato devo ispirarmi? Un passato distante, ideale, irreale? No, grazie.

State bene nelle vostre regole perché vi permettono di non essere ciò che siete, e di aver ragione nel non esserlo.

“La società mi impedisce di esprimermi” e così siete giustificati, potete permettervi di non avere un’idea, di non esprimerla, di non metterci la faccia. In questo modo non ci si espone mai, viene
comodo imitare ciò che è stato perché si tratta di qualcosa di così distante da non poter essere attualizzato e criticamente analizzato. L’analisi fa paura, i gusci in cui vi nascondete no. Le regole
sono per voi come mura di cemento armato, e non esiste ponte levatoio.

“Scrivi in maniera scomoda.” Allora è per questo che vi faccio paura?

“Metti troppa te stessa in ciò di cui parli.” Dovrei nascondermi nell’imitazione di parole che non mi appartengono e che non condivido, giusto.
“Finché non sei pronta ed esperta, non puoi esprimerti a riguardo.”

Allora non mi esprimerò mai, perché in cuor mio so che non arriverà mai un momento in cui penserò di aver raggiunto il traguardo e di aver imparato tutto ciò che avevo da imparare.

Gli arroganti siete voi, non io.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.