Emergenza cinghiali in Val Seriana, se ne parla a Peia - BergamoNews
Coldiretti bergamo

Emergenza cinghiali in Val Seriana, se ne parla a Peia

Giovedì 10 ottobre, alle ore 20,45, nella biblioteca di Peia si terrà una tavola rotonda

Giovedì 10 ottobre, alle ore 20,45, nella biblioteca di Peia si terrà una tavola rotonda sul tema “Fauna selvatica tra danni all’agricoltura ed emergenze sanitarie”. L’iniziativa promossa da Coldiretti Bergamo in collaborazione con l’amministrazione comunale di Peia è inserita nel programma della dodicesima edizione della manifestazione “I giorni del Melgotto”.

Interverranno Giovanni Malanchini, Consigliere Regionale di Regione Lombardia, Tiziano Fanton, ATS Bergamo Distretto Veterinario, Maurizio Volpi, Presidente del Comprensorio Prealpino, Adriano Perugini, componente della commissione cinghiale selezione, Angelo Bosatelli, Assessore Comunità Montana Valle Seriana, Gianfranco Drigo, Direttore di Coldiretti Bergamo e Alberto Brivio Presidente di Coldiretti Bergamo.

I danni causati dalla fauna selvatica sono sempre più ingenti, ma a destare particolare preoccupazione sono i cinghiali che oltre a distruggere i raccolti si stanno spostando anche nelle aree urbane e negli abitati della Valle Seriana, un problema sempre più urgente che per essere risolto richiede il dialogo tra le istituzioni e gli operatori del mondo agricolo e del mondo venatorio.

leggi anche
  • Coldiretti
    Emergenza cinghiali, campagne bergamasche sempre più devastate
  • Dalla regione
    Emergenza cinghiali nella Bergamasca: caccia consentita anche di notte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it