BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Emancipazione femminile a Tel Aviv: “Libere, disobbedienti, innamorate”

Mercoledì 9 ottobre, in Sala Beretta in via Borgo Palazzo, ArciLesbica Libera Bergamo presenta l’opera prima della regista palestinese Maysaloun Hamoud.

Il complicato dualismo della quotidianità di tre giovani donne arabe, in equilibrio precario fra tradizione e sregolatezza: questo è il punto cardine di “Libere, disobbedienti, innamorate – In Between” (Israele/Francia, 2016).

Opera prima della regista palestinese Maysaloun Hamoud, il film verrà proiettato durante il nuovo appuntamento di CineAperitivo ArciLesbica, mercoledì 9 ottobre alle 20.45, all’interno della Sala Beretta di via Borgo Palazzo 16. Organizzata da ArciLesbica Libera Bergamo, la proiezione vuole portare ad una riflessione sull’indipendenza femminile e sugli stereotipi che condizionano il pensiero nei confronti di altre culture.

Protagoniste del film sono le coinquiline Nour, Laila e Salma, tre giovani donne arabe di Tel Aviv che cercano di affermare la propria identità. Nour è una studentessa musulmana osservante, proveniente dalla conservatrice Umm al-Fahm, Laila è un avvocato penalista, mentre Salma è una DJ omosessuale. Tre ragazze che condividono un appartamento, ma anche e soprattutto una vita sociale che vorrebbero basare sui propri desideri e sulle proprie ambizioni: uno stile di vita nel quale cade ogni tipo di stereotipo. Dalla parte opposta è presente un sistema patriarcale, sia arabo-musulmano che ebraico-israeliano, che vorrebbe interdire il desiderio di libertà delle tre giovani donne, ma finisce per essere vittima delle proprie contraddizioni.

Libere, disobbedienti, innamorate” è un film che, già dal titolo, affronta l’emanipazione femminile in diversi aspetti e attraverso vari livelli, nel quale anche i dogmi delle tradizioni vengono meno a favore di una cultura più ribelle, nella sregolatezza di una metropoli, dove le emozioni sembrano prendere il sopravvento sugli stereotipi.

L’ingresso alla proiezione è riservato alle/ai socie/i Arci con possibilità di tesserarsi la sera stessa.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.